SARONNO – La scorsa settimana all’istituto Prealpi in presenza dell’amministratrice Angela Strano, del fondatore e direttore della scuola Carlo Manzoni e del preside Franco Marano si è svolto un incontro con lo scrittore Atai Walimohammad, ventiseienne rifugiato politico in Italia, docente, scrittore, educatore, traduttore giurato per lo Stato e attivista per i diritti umani, di origine afgana.

Atai ha incontrato gli studenti del biennio, che in classe insieme ai loro docenti avevano analizzato e approfondito alcuni brani tratti dal suo libro “Ho rifiutato il paradiso per non uccidere”.

Le riflessioni a cui si è giunti insieme allo scrittore è che la cultura è fondamentale non solo per un accrescimento personale ma anche, come nel suo caso per “sopravvivere”. Lo stesso Atai ha sottolineato: “Faccio gli incontri con gli studenti per raccontare la mia storia. All’età di 10 anni sono stato mandato da mia madre in una madrasa in Pakistan per diventare martire e kamikaze, poi conobbi mia nonna che mi salvò la vita con l’istruzione e mi fece uscire da quel buio”.

160402022


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

1 commento

Comments are closed.