SARONNO- Si è concluso la sera scorsa al teatro Giuditta Pasta di Saronno il progetto “Legami & trame”, che ha visto i giovani di vari istituti saronnesi coinvolti in un forte coro contro la piaga mafiosa.

Una volta aperta la serata dai ringraziamenti dell’assessore Succi; i ragazzi del liceo Stefano Legnani, del Collegio Arcivescovile Castelli, dell’iti Giulio Riva e dello ial saronnese si sono alternati sul palco nell’esecuzione di monologhi dallo stampo quasi teatrale, nella proiezione di video prodotti nella propria scuola (“Mask off” del Collegio Arcivescovile Scientifico sportivo e “La strada della legalità” dello ial saronno) e nella recitazione di piccole scene. A cura dei “The Mad” è stato l’accompagnamento musicale che intramezzava i vari spettacoli e monologhi, portando frammenti di brani ben inseriti nell’argomento, come la colonna sonora de “il Padrino” e “Cocaine” di Eric Clapton.

I pensieri, esposti da un punto di vista squisitamente giovanile, si sono snodati e soffermati dall’importanza della discussione e dell’informazione riguardante la mafia, affinchè il silenzio non favorisca questo grande male; fino ovviamente a giungere al ricordo dei giudici Giovanni Falcone, Paolo Borsellino (dei quali sono stati anche esposti pensieri ed estratti di vita) e di tutte le vittime della mafia.

I ragazzi hanno inoltre ricordato la storia della testimone di giustizia Rita Atria, suicidatasi in seguito all’omicidio del giudice Borsellino, in cui aveva riposto fiducia per le sue deposizioni.

“La mafia vince laddove vince il silenzio” è stato il filo conduttore di questo importante momento di riflessione e discussione da parte dei giovani di Saronno.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn