CISLAGO – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dell’Anvm (Associazione nazionale vittime delle marocchinate), in risposta alle dichiarazioni del gruppo Cislago in Comune in merito al convegno tenutosi lo scorso 14 maggio in villa Isacchi.

L’Associazione Nazionale Vittime delle marocchinate risponde al gruppo politico “Cislago in Comune” che ha criticato il patrocinio concesso dall’amministrazione comunale al recente convegno dal titolo “Le berità negate”, preannunciando di non voler partecipare.

“Innanzitutto ringraziamo il sindaco e la Giunta di Cislago per la concessione del patrocinio gratuito – dichiara Emiliano Ciotti, presidente nazionale dell’Anvm e nipote di una vittima delle marocchinate – il confronto e il dialogo sono il sale della democrazia e l’amministrazione comunale ha dimostrato di avere a cuore questo concetto basilare. Purtroppo, dobbiamo leggere le critiche da parte di chi non conosce la nostra attività e probabilmente nemmeno le vicende storiche di cui abbiamo parlato nel convegno. Avrebbero potuto assistere al dibattito e poi avanzare delle critiche. Invece, hanno applicato una censura preventiva. Secondo gli estensori della missiva, piena di luoghi comuni – prosegue Ciotti – saremmo legati a partiti politici e non garantiremmo criticità e imparzialità nella trattazione delle vicende storiche. Sono le solite accuse di revisionismo, in verità un poco stantie e ammuffite, che come un mantra sono ripetute da chi ignora la nostra storia e gli obiettivi che ci prefiggiamo. Per noi parlano i libri pubblicati dai nostri associati, le iniziative culturali, le manifestazioni rievocative, i convegni e i dibattiti organizzati in Comuni amministrati da coalizioni sia di centro sinistra che di centro destra.

Poiché ci piacciono le sfide – conclude Ciotti – invitiamo gli estensori della lettera a un confronto pubblico sul tema degli stupri di guerra compiuti dalle truppe alleate in generale e dai coloniali francesi in particolare durante la seconda guerra mondiale. Avremo modo di mostrare loro testimonianze e documenti su questa barbarie e sarà interessante ascoltare le loro risposte, se ci saranno.”

Anvm, associazione nazionale vittime delle marocchinate


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

(foto: archivio)

29052022