SARONNO – “Giovedì sera è andata in onda la prima serata ufficiale a negozi aperti ma la delusione tra i commercianti e i saronnesi è palpabile. Poche decine di persone al concerto preserale in piazza Volontari del sangue, solo cinque negozi aperti in corso Italia, nessuno in via San Cristoforo, forse uno e due in via San Giuseppe. Inutile invocare la scusa del cattivo tempo, peraltro solo annunciato: il fiasco è figlio dell’improvvisazione e della mancanza di una regia condivisa tra Comune, Duc e Associazione commercianti”. Lo dice Forza Italia Saronno dopo la serata di giovedì. 

Proseguono da Forza Italia

Ovviamente da saronnesi ci auguriamo che le prossime aperture serali riscuotano maggior successo ma il problema di fondo permane. L’assenza di progettualità e scelte sbagliate non permettono alla nostra città di essere competitiva e attrattiva sul territorio. Il senso di insicurezza dopo gli ultimi episodi in centro è palpabile, l’incuria e la sporcizia sono evidenti anche nel salotto della città. Serpeggia un diffuso malcontento e questo spinge i nostri concittadini a frequentare piazze limitrofe più attrattive. Saronno non lo è più!

Inoltre, lo scollamento dalla realtà dell’amministrazione che propone incontri mal organizzato o iniziative di nicchia con scarsa ricaduta sulla città dovrebbe far riflettere. Dopo aver posto l’attenzione ai luoghi che gli stessi eventi dovrebbero ospitare. Occorre un deciso cambio di passo a partire dal vertice di questa Amministrazione. C’è molto da fare, molte cose da cambiare.

25062022

13 Commenti

    • Mi scusi, ma che collegamento c’è? Qui si parla di altri problemi, assenza di organizzazione ed eventi che non incontrano il favore del pubblico e di una città allo sbando. Se ha problemi di comprensione rileggo il testo. Qui manca la concertazione tra assessorato al commercio e alla cultura, questa è tutta un’altra storia.

    • Il paragone non sta in piedi, luglio 2020 non c’era ancora sicurezza nell’uscire e poi si vede chiaramente che aveva piovuto.
      E cosa più importante di tutte non c’era la spazzatura in giro.
      Ci sta poca partecipazione, sono cose che non puoi controllare ma la spazzatura si poteva evitare

    • Nel 2020 eravamo ancora in pieno covid, non c’erano neanche i vaccini. Ora la situazione è cambiata. Niente scuse, il problema è Airoldi

  1. Almeno adesso oltre alle sfilate di auto e di moda che facevate voi si fa arte musica e Birra!

Comments are closed.