SARONNO – Una fiammata ha divorato in pochi secondi il pallone di ovatta rinnovando la tradizione saronnese della patronale.

Stamattina alle 10 il momento saliente della celebrazione dei santi Pietro e Paolo a cui è dedicata la Prepositurale. Presenti le autorità militari e civili (il sindaco Augusto Airoldi con il vicepresidente del consiglio comunale Francesco Licata che ha indossato la fascia biancoceleste) gli assessori Gabriele Musaró, Laura Succi i consiglieri Mauro Lattuada Roberta Castiglioni, e Pier Angela Vanzulli.  

A presiedere la celebrazione monsignor Antonio Barone che ricorda i 65 di sacerdozio iniziati facendo il coadiutore a Saronno. “In tutta la mia attività di religioso c’è sempre stato un sapore di Saronno perché qui ho imparato tanto dalla comunità e dagli altri religiosi con cui ho collaborato. Anche quando sono andato in Africa ho portato la mia esperienza saronnese”

È stato invece il prevosto monsignor Claudio Galimberti a ricordare gli altri anniversari dei religiosi che hanno partecipato alla messa compreso “padre Gianluca che celebra i 15 giorni di sacerdozio”.

Nell’omelia monsignor Barone ha parlato anche attualità come del dramma della guerra in Ucraina alle sue esperienza come quella di prevosto a Tradate. Alla fine della messa il religioso ha consegnato ai fedeli un’immaginetta in ricordo dell’anniversario.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn