SARONNO – Prosegue il percorso che porterà la Guardia di finanza nell’ex palazzo di giustizia di via Varese: l’attuale amministrazione ha espresso in diverse sedi l’intenzione di accellerare, ove possibile, il procedimento già avviato dall’amministrazione precedente.
L’edificio risale agli anni ottanta ed era la sede della pretura, che, allora, risiedeva a Palazzo Visconti, e richiedeva uno spazio moderno e nuovo.

Diversi gli interventi che l’edificio dovrà subire per essere in stato ottimale: non solo sul piano di sicurezza, impianti e profilo antisismico, ma anche un vero e proprio reinventare gli spazi nella loro distribuzione; un progetto che ha già avuto l’approvazione della compagnia di Saronno della Guardia di finanza che, in visita al cantiere, ha espresso la propria soddisfazione.

Tuttavia, non è andato tutto liscio durante i lavori: alcuni problemi sulla copertura dell’edificio hanno richiesto una manutenzione straordinaria, che non era prevista all’interno del progetto della precedente amministrazione. La spesa iniziale, infatti, era prevista per 150mila euro, ma a fronte di questi imprevisti è quasi raddoppiata. Il primo lotto, nonostante le difficoltà, è oggi completo.

Ora si passa al secondo lotto, che comporterà un costo di 370mila euro, approvati con la settima variazione di bilancio nell’agosto dello scorso anno. Nell’estate corrente, però, si terrà la gara d’appalto, che richiede la consegna dell’edificio entro la primavera del 2023 per permettere alle fiamme gialle l’insediamento, successivo a piccoli lavori di propria competenza.

(foto archivio)

06082022

2 Commenti

  1. Ottimo, vicino al Santuario girano spesso degli spacciatori, soprattutto di notte, la caserma della GdF aperta H24 nelle vicinanze é una buona cosa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.