SARONNO – Vernice spray bianca su entrambi i lati della locomotiva che dà il benvenuto a chi entra a Saronno. E’ l’ultimo vandalismo avvenuto nella città degli amaretti che ha suscitato grande amarezza nei saronnesi. Non si sa con precisione quando siano state realizzate ma facile pensare che i writer abbiano agito nel cuore della notte. Ha realizzato un graffito sia sul lato che “guarda” viale Europa, sia su quello rivolto su viale Lazzaroni.

La locomotiva è una Locotender serie 200-02 Couiller del 1883 inizialmente di proprietà Ferrovie Nord Milano. Fu acquistata nel 1972 da Luigi Lazzaroni per salvarla dalla demolizione. Era stata esposta nel giardino della Rotonda dove è stata per lungo tempo ammirata dai più piccoli. Nel 1975 donò le parti meccaniche alla “sorella” (200-05) ad oggi la seconda più antica locomotiva a vapore ancora in funzione in Europa, per consentirne la messa in opera e il traino di treni storici. E’ stata restaurata nel 2010 e nel mese di giugno venne posizionata all’interno della nuova rotatoria da via Lazzaroni e viale Europa per volontà di Luigi Lazzaroni che la donò alla città.

Non è la prima volta che “tag” compaiono sulla locomotiva ma in passato i vandalismi non erano mai stati così tanti e impattanti.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

16 Commenti

  1. Ringraziamo per le informazioni , ma ricordate che i vandali amano la loro pubblicità ed il miglio modo .. siete voi giornalisti : posso capire che magari un articolo può aumentare la Vs fama ( ma non penso uno come questo ) ma potete evitare di pubblicarle ? Lo dicono anche gli psicologi quanti da me accusato .. potete fare quello che volete , ma sarebbe un atto di coscienza .. Grazie se mi ascolterete nel futuro !

  2. Ohhh….. sigra Giudici, questa scritta è “vandalismo” come scrive nell’ articolo. Quelle fatte e scritte dei Telos invece non li descrive mai come vandalismi. Che giornalismo di bassa statura il suo!

  3. L’idiozia di questi esseri(per non usare termini non Ammessi) non ha riscontro con l’intelligenza e il vivere in società, punirli con sanzioni non serve a nulla, applicare loro una punizione lavorativa, forse è la strada da intraprendere. ( Speriamo che si trovino e il giudice sia molto severo)

  4. È bello sapere che ci sono persone così rispettose della storia di Saronno e del bene comune.
    Grazie perché ciò vuol dire che qualche speranza di una estinzione a breve termine ce l’abbiamo ancora.

  5. Derubricabile a “degrado percepito”.
    Un bel biglietto da visita per chi entra in Saronno!
    Grazie Airoldi per s la sua “percezione” di insicurezza e degrado.

  6. Il passato ci ha resi cittadini fieri di far parte di questa comunità, purtroppo oggi ormai a casa nostra vige la legge della prepotenza, e della stupidità, di idioti a Saronno? migliaia….
    nessuno si preoccupa piu di far rispettare il decoro urbano , andiamo sempre piu alla deriva, poveri noi.

  7. Vandalismo? Ma è arte di influenza telosina! Ma che modo volgare di scrivere, sig.ra Giudici!!!

  8. Sono anni che da più parti viene chiesto al comune di fare manutenzione a questo raro reperto di archeologia industriale donato alla città da Luigi Lazzaroni. Tuttavia la macchina si deteriora anno dopo anno e nessuno interviene. È stato suggerito anche di realizzare una copertura leggera per meglio proteggerla dalle intemperie. Purtroppo di attenzione per questo mezzo, come dimostrano le sue condizioni, non c’è n’è. Oltre a rischiare di trasformarsi in un cumulo di ruggine costituisce un biglietto da visita poco bello per Saronno. Meglio sarebbe trasferirla al coperto al Museo delle Industrie che già conserva altri veicoli storici delle “Nord”, la ferrovia che ha fatto la fortuna di quello che nel 1879 era solo un piccolo borgo a nord di Milano.

    • Il Comune già chiede ai cittadini direttamente di curare le aiuole pubbliche appellandosi al senso civico, figurati per curare una locomotiva in ferro. Però avremo l Accademia di Brera e più persone in giro in bici, vuoi mettere?

  9. L’ignoranza di chi compie un gesto simile non meriterebbe nemmeno in articolo, se non fosse per la cronaca.

  10. Mah, che dire l ignoranza ,la civiltà il rispetto ancora una volta viene asfaltato,finiamola di tirare il sasso poi nascondere la mano ,contro persone che non c entrano ogni problema colpa del sindaco o assessore, cosa giusta togliere un monumento storico come FMN 200 locomotiva storica e metterla in un museo ai posteri PS ma le telecamere dove ,,,::::::;;;;; le mettete

  11. I soldi delle casse comunali vengono buttati per pagare straordinari alla polizia locale per star dietro ai Telos. Con quei soldi risparmiati si potrebbe fare una bella disinfestazione di zanzare e restaurare un sacco di cose

Comments are closed.