SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Massimo Uboldi M5s in merito allo studio in corso da parte dell’Amministrazione per creare un punto d’interscambio per le consegne in centro che permetta di sostituire i furgoni con bici cargo muscolari o a pedalata assistita.

Il M5S di Saronno interviene in merito alla proposta avanzata dall’assessore Franco Casali sul tema della logistica a supporto delle attività commerciali nel comparto Ztl di Saronno.

In tempi non sospetti, all’inizio del mandato di questa legislatura, il M5S di Saronno ha avuta un’interlocuzione con l’assessore Casali sul tema della riapertura di piazza De Gasperi, dopo la fallimentare esperienza fatta dalla precedente amministrazione, proponendo un progetto articolato che individuava in quel comparto una funzione organica all’eventuale riapertura della zona, indicandola come area da destinare alla logistica a supporto delle attività commerciali presenti nella Ztl, così da eliminare in corso Italia la circolazione dei mezzi che ne danneggiano la pavimentazione, e per dare un senso logico all’ eventuale riapertura di quel luogo. Certamente questo avrebbe comportato la modifica dell’ attuale regolamento, ma sarebbe stato il male minore visto che per attuare questo progetto serviva solo un’ordinanza da parte del sindaco che ne avrebbe agevolato in maniera rapida l’attuazione.

Purtroppo anche questa nostra richiesta è rimasta inascoltata ed oggi ci ritroviamo a confrontarci con una proposta avanzata da Casali “calata dall’alto”, tant’è che Ascom chiede chiarimenti nel merito, dimostrando di fatto quanto questa amministrazione sia lontana dalle reali esigenze del settore commerciale cittadino, disinteressata a confrontarsi quantomeno con le organizzazioni di rappresentanza presenti in città.

Questa proposta, tra l’altro, non nasce da un’idea dell’assessore al Commercio (Mimmo D’Amato ndr) ma da un altro assessore legato a logiche di mobilità, questo dimostra nei fatti un lavoro confuso e disconnesso tra gli stessi rappresentanti della nostra amministrazione.

Il M5S si chiede se questo sia il modo più funzionale per la gestione di Saronno, inoltre se queste proposte siano supportate da uno studio e un approfondimento legati alle reali esigenze di un settore in difficoltà, e se ci sia stata un’attenta analisi della strutturata morfologica del nostro Comune per consentire una tale attuazione, come pure se sia stato affrontato un piano economico legato ai costi derivanti da questo singolare “piano logistico”.

La nostra impressione è che tutto questo non sia stato valutato in maniera adeguata, la totale mancanza di un confronto con le attività commerciali e le sue organizzazioni di rappresentanza denota una forma di arroganza e una non conoscenza delle reali esigenze cittadine. Se questa è la tanto proclamata partecipazione annunciata in campagna elettorale, con tanto di incontri cittadini, ci sentiamo di suggerire che non bisogna solo ascoltare la voce di una cittadinanza ma concretizzare aiuti e soluzioni, con un’attenzione che fino ad oggi non si è ancora mai vista, a due anni di distanza ormai dall’insediamento di questa amministrazione.  


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

5 Commenti

  1. vabbeh dai su, che questa sia un’amministrazione allo sbando più totale, senza una logica di programma, che sta portando tutta Saronno nel regno dell’insicurezza e del degrado più assoluto, è ormai un dato di fatto incontrovertibile.
    tutto il resto a partire da queste idee in pratica inattuabili fanno parte della logica della “bicicletta” sopra ogni cosa e a scapito di tutto il resto, a partire dal commercio di vicinato in centro.
    speriamo che questa amministrazione non regga all’urto elettorale di domenica 25 settembre e che Airoldi, viste le condizioni di una traballante giunta e di un consiglio che si regge su un solo voto, prenda la tanto sperata decisione di togliere la spina a questa amministrazione sotto ogni punto di vista fallimentare.

  2. “dell’assessore al Commercio”
    Che purtroppo di fatto e’ come non esistesse…
    E lo dico con rammarico, visto che le aspettative verso la sua figura erano alte.
    Aspetto fiducioso un’inversione di rotta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.