SARONNO – “Dopo aver letto i comunicati prima del Pd e successivamente dell’Amministrazione, prendo atto di quanto nessuno conosca realmente sia la situazione che la storia del teatro Pasta, o fingono di non sapere o di non ricordare. Il cda che presiedo non vuole essere il capo espiatorio di questa situazione, ci troviamo quindi costretti a una doverosa precisazione soprattutto perché i cittadini devono sapere, anticipando che entrerò nel merito dell’aspetto prettamente finanziario con una successiva informativa”.

Inizia così la nota di Oscar Masciadri presidente della fondazione del Giuditta Pasta che riaccende i riflettori sulla nomina del suo successore.

La replica al Pd

Intanto in riferimento al comunicato della segreteria del Pd di Saronno molte sono le informazioni inesatte, ma una è certamente falsa.
In questi anni con la mia Presidenza, e prima ancora con quella di Paolo Pasqui, la differenza tra i ricavi dalla biglietteria a fine stagione e i costi complessivi degli spettacoli sono sempre stati dati positivi. Mai negativi. Probabilmente lo erano prima quando in carica erano altri presidenti. Ci tengo inoltre a ricordare che a differenza di quanto accadeva prima, con l’Amministrazione Fagioli i contributi sono stati di gran lunga inferiori rispetto alle precedenti amministrazioni e nonostante ciò con il nostro lavoro abbiamo raggiunto risultati positivi e i bilanci di questi anni lo dimostrano senza ombra di dubbio. Non entro poi nel merito di altre considerazioni pur ritenendo che non abbiano ben chiare le attività che vengono svolte in teatro.

La replica all’Amministrazione

Passo ora al comunicato che con tanta enfasi il sindaco ha trasmesso dopo un confronto con due abbonati. Il sindaco accusa la fondazione di non aver partecipato ai fondi del Pnrr senza sapere molte altre cose sul teatro evidentemente.
In primo luogo il sindaco dimentica che la struttura teatro è dell’Amministrazione e sembra non essere al corrente del lavoro che c’è da fare in un teatro in particolare dopo i due anni di pandemia in cui il personale non ha o quasi percepito lo stipendio. Gli impiegati del teatro infatti non sono impiegati dell’Amministrazione e purtroppo non sono tutelati sotto il profilo economico.
In secondo luogo il sindaco dovrebbe rivedere le varie mail che il teatro ha inviato e alle quali quasi mai il teatro ha ricevuto una risposta. In queste mail si richiedevano importanti e urgenti interventi strutturali a oggi ancora non risolti. In attesa della presentazione del bilancio, ci tengo poi a precisare che il contributo straordinario è stato concesso sì dall’Amministrazione ma esclusivamente perché il Ministero ha risposto alla Fondazione che i fondi Covid (i famosi ristori) che tutti i Teatri hanno ricevuto dovevano essere versati nel nostro caso dall’Amministrazione stessa in quanto socio al 100% e di conseguenza i fondi Covid che abbiamo ricevuto dall’amministrazione era semplicemente un’atto dovuto. Non è quindi un contributo straordinario dell’Amministrazione!
I restanti contributi risultano poi inferiori rispetto alla richiesta, nonostante in questi anni di pandemia la Fondazione abbia fatto miracoli per non chiudere e quando, durante un incontro, ho chiaramente fatto presente che la difficoltà del Teatro era la liquidità in quanto abbiamo dovuto liquidare quattro dipendenti e nessun Cda precedente si era occupato di accantonare il Tfr, la risposta avuta nel corso di dei diversi incontri con Sindaco, assessore al Bilancio e Cultura, con i due dirigenti è stata: “Questo non è un nostro problema”. Quindi, ma di cosa stiamo parlando?
Solo questo dimostra quanto poco interesse questa Amministrazione dimostra verso il teatro, i suoi dipendenti e i gli abbonati e quanto false risultino le parole che si leggono nell’ultimo comunicato.

Il sindaco sta valutando inoltre la nostra richiesta di contributo ma dall’ultima volta in cui si impegnava a valutare la cosa sono passati circa sei mesi con un’evidente scarica barile tra un’ufficio e l’latro. Non è difficile immaginare che la nuova stagione avrà grosse difficoltà per partire. Il sindaco, gli assessori ed infine i dirigenti si trincerano dietro ad una convenzione, dimenticando che con la stessa venivano concessi contributi di 240, 260, 300 mila euro o anche di più con le amministrazioni precedenti a quella Fagioli (evidentemente c’è qualcosa che non quadra).

La chiosa

Concludendo, personalmente non ho ambizioni a rimanere presidente della fondazione ma ci tenevo a precisare perché leggere tante falsità e omissioni come si leggono nei due comunicati a cui ho fatto riferimento sopra, fa male e manca di rispetto non solo al cda che rappresento, ma ai dipendenti del Teatro e non per ultimo anche ai cittadini saronnesi che hanno il diritto di sapere e di conoscere la realtà dei fatti.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

12 Commenti

  1. Oggi sulla poltrona del sindaco Airoldi piove sul bagnato: alla luce degli sconfortanti risultati elettorali anche un missile munito di testata nucleare tattica è stato lanciato sulla sulla sua testa da Masciadri.
    Dalle urne è uscita una chiara indicazione politica: I saronnesi auspicano che il PD incominci seriamente a pensare di porre fine all’agonia di questa sciagurata pessima amministrazione targata Airoldi-Gilli-Casali.

  2. E cosa ci si poteva aspettare dal PD e da questa amministrazione ….. solo parole e non fatti e solo falsità.
    Per il bene di Saronno e del Teatro mi auguro che questa amministrazione si faccia da parte.

  3. Masciadri si rassegni lei appartiene alla squadra degli sconfitti, a Saronno più che in tutta Italia. Approvi il bilancio e faccia le valige

    • Credo che Lei abbia capito poco, e poi attenzione e mi dispiace per Lei ( e per tutti quelli che lo credono) io non ho tessere legate a partiti, leggete bene quanto sxritto

  4. Scusi signor Masciadri forse lei si è dimenticato di dire che, dopo due mandati, lei non può più vedere rinnovata la sua carica.
    Mi sembra un aspetto particolarmente significativo che lei non ha minimamente citato! E forse il suo astio nasce anche dal vedersi sostituito magari da qualcuno…..prosegua lei!!

    • Legga fino alla fine non proprio nessuna intenzione di rimanere, mi spiace che vi dia fastidio dire la verità

  5. Bravo, io dopo le prime tre bugie grosse sulle quali ero sicura che fossero tali ho smesso di credere a quanto dicono.
    Per quanto mi riguarda non è più un leggero gioco delle parti che in politica ci sta, qui si tratta di altro.

  6. Su i fondi del PNRR non risponde compiutamente anzi mette insieme più cose (giustificazioni) che, salvo errore, non sembrano in nesso di causa.
    Si prende atto che l’Amministrazione Fagioli ha diminuito i contributi. Ma si può ben comprendere che allora come oggi i soldi non piovono giù dal cielo. Peraltro, considerando tutto quello che ha bisogno la città e tutte le richieste di contributi.
    Il teatro merita di continuare a vivere, certamente, Senza sarebbe inimmaginabile…..ma prenda atto che si può sempre migliorare.

  7. Solidarietà alle impiegate. Queste ragazze hanno dato l’anima per il Teatro in questi anni difficili, andando anche oltre le loro mansioni

  8. O fingono o ignorano o mentono. Complimenti a questa amministrazione! L’unico ambito in cui centrano l’obiettivo, è l’eliminazione degli assessori non schierati!

  9. Non sarebbe la prima volta che anziché chiedere scusa per propri errori l’amministrazione getta in pasto al pubblico un capro espiatorio.. la Rodari vi ricorda niente?

  10. Sindaco che squallore! Accampa scuse e ora accuse senza neanche accertarsi di poter essere smentito nei fatti. Senza pudore alcuno! Non avrà mai più il mio voto… fare peggio di Fagioli era davvero difficile ma lei caro Airoldi ci è purtroppo riuscito😩

Comments are closed.