x

x

SARONNO – Confermata ieri dalla Corte di Cassazione la condanna all’ergastolo per Leonardo Cazzaninga, medico “veterano” del pronto soccorso dell’ospedale di Saronno, che era stato arrestato dai carabinieri per una serie di morti in corsia. L’accusa è di avere ucciso diversi pazienti con un mix letale di farmaci, fra il 2011 ed il 2014.

Solo una parte della sentenza d’Appello è stata annullata – per ragioni procedurali – dalla Cassazione, e restituita al tribunale per un nuovo esame, ovvero quella relativa alla morte di Domenico Brasca. Mentre è stata confermata la condanna per gli altri nove omicidi che gli erano attribuiti, per i quali c’era già stata la condanna in Appello.

Oltre che per le morti in corsia Cazzaniga, medico di Rovellasca, è stato condannato anche per concorso nella morte di marito e suocero di Laura Taroni di Lomazzo (condannata a trent’anni di reclusione, con separato procedimento), allora infermiera in ospedale, con la quale aveva una relazione sentimentale.

L’arresto e le prime condanne

Cazzaniga era stato arrestato dai carabinieri della Compagnia saronnese, e poi originariamente era stato condannato all’ergastolo per 12 omicidi, 10 fra i suoi pazienti (per episodi avvenuti in reparto, fra il 2011 ed il 2014) ed altri due, suocero e marito dell’ex amante. L’accusa è di avere somministrato loro farmaci che li avevano uccisi. Secondo lui, il trattamento doveva solo servire a ridurre le sofferenze di persone comunque in fin di vita.

Leonardo Cazzaniga, medico veterano dell’ospedale di Saronno e residente a Rovellasca, era stato nel 2016, accusato della morte di pazienti del pronto soccorso, e anche di avere concorso all’omicidio tramite somministrazioni di farmaci di altre tre persone, famigliari della sua amante. Era stato arrestato nell’ambito dell’operazione “Angeli e demoni” che era stata messa a segno dai carabinieri della Compagnia di Saronno del maggiore Giuseppe Regina, dopo lunghe e delicate indagini.

(foto archivio: al centro Leonardo Cazzaniga, durante un precedente processo)

01102022