x

x

MILANO – In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, si è svolto l’altro ieri a Palazzo Pirelli di Milano il convegno “Non chiamatelo amore. Come riconoscere i segnali di una relazione abusante promosso dal Garante regionale per la tutela delle vittime di reato Elisabetta Aldrovandi.

“Ci sono dei segnali molto importanti per capire quando siamo di fronte a un caso di maltrattamenti, di violenza domestica, di stalking per non parlare della violenza fisica, psicologica, emotiva – ha dichiarato Elisabetta Aldrovandi nel suo intervento-. Segnali che devono far comprendere che ci si trova davanti a persone prevaricatrici che potrebbero avere anche condotte particolarmente violente. La prevenzione è fondamentale. Se è vero che nel momento in cui si entra nel tunnel dei maltrattamenti e della violenza domestica uscirne è possibile grazie a strumenti come il codice rosso, è altrettanto vero che rimane molto complicato perché siamo ancora inseriti in un sistema in cui la vittima di violenza in ambito domestico è costretta a proteggersi dal suo carnefice che, troppo spesso, viene rilasciato a piede libero”.

Solitamente la cronaca parla del gesto estremo, quando ormai si arriva al femminicidio, ma in realtà la violenza sulle donne può essere attuata in tanti modi e può essere fisica, psicologica, economica – ha commentato la vice presidente del Consiglio regionale, Francesca Brianza, esponente della Lega di Venegono Superiore – Nei casi di maltrattamenti in famiglia, oltre alla tutela della donna vanno protetti anche i minori che spesso sono vittime per violenza subita o assistita. In Lombardia esiste un sistema molto ampio e ramificato di cui fanno parte i centri antiviolenza, le case rifugio, le case di accoglienza, le Forze dell’Ordine e gli avvocati, una rete che copre tutto il territorio lombardo per condurre la donna in un percorso sicuro che la porti, prima di tutto, ad uscire dalla situazione di violenza, e poi a reinserirsi nel tessuto sociale ed economico per trovare la propria indipendenza dal punto di vista abitativo e lavorativo.”

Al convegno sono intervenuti l’assessore alla Sicurezza di Regione Lombardia Romano La Russa, il dirigente Divisione anticrimine della Questura di Milano Giovanni Cuciti e Beatrice Palanti, laureata in Scienze della mediazione linguistica per la sicurezza e la difesa sociale con la tesi “Le donne nel XXI secolo”.

25112022

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.