SARONNO – “Nel mese di settembre Regione Lombardia ha approvato il Poas (Piano Organizzativo Aziendale Strategico) presentato dall’Asst Valle Olona che prevede un interessante piano di rilancio anche per l’ospedale di Saronno”.

Dopo l’inaugurazione delal Casa di Comunità da parte dell’assessore Regionale Guido Bertolaso e il presidio davanti all’ospedale di Saronno sabato mattina i problemi della struttura sanitaria di piazzale Borella tornano sotto i riflettori con l’intervento del comitato per la salvaguardia dell’ospedale di Saronno

Ma la situazione attuale non lascia molto spazio all’ottimismo: sono attivi solo 150 posti letto (per una popolazione di 200.000 persone!), mancano 1.5 milioni di euro per la ristrutturazione del settimo e dell’ottavo piano (sinora negati dalla Regione) e non sono, pertanto, previste a breve le nuove sale operatorie.

Nulla è stato sinora fatto per la ristrutturazione del Padiglione Borella come previsto dal decreto Arcuri del 2020 per l’emergenza Covid con la separazione dei percorsi di Pronto soccorso e la realizzazione di degenze di terapia sub-intensiva. L’aumento dei costi, in particolare dell’impiantistica per la terapia sub-intensiva stessa, impedirà il completamento dell’opera che si limiterà a due soli piani dei quattro previsti.

Dal 2020 più di cento tra medici, infermieri e tecnici hanno lasciato l’Ospedale saronnese e sono stati sostituiti solo in minima parte; si aggravano così le difficoltà in molti reparti: a quelle note e croniche del pronto soccorso e della rianimazione si sono aggiunti la pediatria, la cardiologia, l’ortopedia. I concorsi per personale medico vengono banditi ma o vanno deserti o i vincitori rinunciano, vista la situazione di sofferenza degli ospedali di Saronno, Busto e Gallarate. Tutto ciò avviene perché l’azienda ospedaliera ha perso attrattività e i medici preferiscono realtà con prospettive più solide e positive.

Forse una sincera autocritica della dirigenza aziendale sarebbe opportuna e con essa un impegno vero che si traduca in risposte rapide e concrete. Al Governo della Regione chiediamo un ulteriore sforzo per portare a compimento un progetto di rilancio che torni a soddisfare in tempi brevissimi e in maniera esaustiva il bisogno di salute di tutti i cittadini del comprensorio saronnese. E la Casa della Comunità non sarà sufficiente!


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn
C’è anche la newsletter: clicca qui per info e iscrizione

10 Commenti

  1. Se un dirigente non è adeguato deve dimettersi o la politica deve rimuoverlo. Fontana time over, siamo arrivati alle elezioni, è anni che non riuscite nemmeno a spendere i soldi stanziati per l’ospedale, avete ucciso l’ospedale.

    • Fortissimo, quando si dice vedere un dito e non la Luna…. Sicuramente lei è un elettore leghista

  2. Più che la dirigenza, sono le dirigenze che si sono susseguite negli anni a partire dal 1998, ma gli imput sono sempre arrivati dalla Regione, probabilmente con il beneplacito dei sindacati dei vari colori, non penso che ogni dirigenza abbia avuto obiettivi diversi. Ora c’è il tracollo e sarà difficile mettere pezze.
    Buona giornata

  3. E preferiscono andare al privato dove grazie a regione Lombardia si guadagna di più

  4. Ieri sera ospedale Tradate reparto pediatrico 2 unico dottore che si alternava tra sala parto e visite ricovero, morale bambini entrati in ospedali alle 20 uscito alle 23:30 …. Evviva regione Lombardia

    • A Saronno hanno fatto di meglio, hanno chiuso pinto nascita e pediatria!
      Ci stanno prendendo in giro!

  5. Dai commenti precedenti noto una standing ovation verso la Regione Lombardia e chi la comanda.
    Avanti cosi, tra un po’ arriverà Emergency ad a curarci, siamo al limite del terzo mondo.

Comments are closed.