BUSTO ARSIZIO VARESE UDIENZA PRELIMINARE PROCESSO CAZZANIGA TARONI ANGELI E DEMONI MORTI SOSPETTE OSPEDALE DI SARONNO NELLA FOTO INGRESSO AVVOCATI IN AULA

SARONNO – Dall’incidente probatorio di ieri mattina al tribunale di Busto Arsizio, dove è in corso il processo a carico dell’ex viceprimario Leonardo Cazzaniga, accusato di 4 morti avvenute in pronto soccorso e della compagna Laura Taroni alla sbarra in concorso con lui per l’omicidio del marito, sono emerse novità in merito alla seconda tranche di indagini.

Questa parte dell’operazione “Angeli e demoni” riguarda la morte del suocero di Laura Taroni, Luciano Guerra e della madre Maria Rita Clerici e secondo quanto emerso altre morti sospette. Sarebbero altri 5 i casi su cui si sono concentrati gli inquirenti,che  farebbero parte delle 80 cartelle sequestrate nel corso della vicenda. Si tratterebbe di morti precedenti alle 4 per cui il viceprimario è già accusato ma sui quali non sono ancora iniziate le consulenze. Difficile dire quando saranno disponibili gli esiti degli accertamenti sulle cartelle sospette. L’obiettivo è ovviamente quello di valutare se il medico saronnese abbia applicato il suo celeberrimo protocollo ad altri pazienti.

A breve dovrebbe arrivare l’avviso di chiusura delle indagini e, decorsi i termini, partiranno le formali richieste di rinvio a giudizio. Il procuratore della Repubblica di Busto Arsizio Gianluigi Fontana ha spiegato come nel secondo filone di inchiesta non siano inclusi i medici della commissione ospedaliera, perché i casi non fanno parte di quelli da loro esaminati.

Nel frattempo nell’udienza di ieri si è parlato degli esiti della riesumazione di Luciano Guerra.  La vicenda tornerà in aula il prossimo 8 gennaio con i periti psichiatrici.

(foto archivio: un’udienza del processo)

12102017

2 COMMENTI

  1. Fra due mesi sarà passato un anno dagli arresti dei due NON Saronnesi che però sconvolsero Saronno e trascinarono nel fango il suo Ospedale. A quanto pare invece di essere a sentenza, dopo un anno di carcere preventivo dei due, questa tortura giudiziaria della goccia continuerà per almeno un decennio.
    Intanto l’Ospedale Muore.

SCRIVI UN COMMENTO

Pe favore, inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci qui il tuo nome