SARONNO – Anche a Saronno sono stati numerosi i votanti alle primarie Pd, ed anche nella città degli amaretti è giunta una chiara affermazione del neo-segretario, Matteo Renzi.

Ecco l’intervento della parlamentare Pd del Varesotto, Maria Chiara Gadda, riguardo alla recente “consultazione”.

Le primarie di domenica 8 dicembre sono state una grande festa della democrazia. 2 milioni e mezzo di persone in tutta Italia, oltre 20 mila in provincia di Varese, molti giovani, si sono messe in fila per esprimere la loro scelta e consegnarci un nuovo Pd, più forte e deciso. Ancora una volta si è visto come la migliore risposta al populismo violento e bugiardo praticato in questi giorni dal M5s di Beppe Grillo sia la partecipazione democratica, che al momento viene offerta solo dal nostro partito.

Il Pd, pur con tanti difetti, è ancora l’unico spazio della politica italiana che affida la sovranità delle sue scelte al cittadino elettore. Una possibilità ancora una volta apprezzata da milioni di italiani, e l’alta partecipazione di oggi rappresenta il miglior ringraziamento possibile anche per i tantissimi volontari che hanno reso possibile l’organizzazione delle primarie. Ho trascorso anche io con loro molte ore ai seggi, ed i nostri iscritti hanno ancora una volta confermato di essere un patrimonio preziosissimo di competenze ed entusiasmo. Sono molto soddisfatta per la vittoria convincente di Matteo Renzi, ma sono contenta soprattutto per il futuro del Pd.

Rilancio con grande convinzione anche io l’appello di Romano Prodi all’unità tra i vari candidati, perchè l’obiettivo è comune, ovvero il rafforzamento del Partito Democratico. La partecipazione alle primarie di Prodi è stata un’iniezione di entusiasmo per tantissime persone, che mi ha personalmente fatta molto felice. La passione, la voglia di partecipare e l’interesse di così tanti cittadini che ho raccolto al seggio della mia città, Fagnano Olona, è per me uno sprone fortissimo per il mio lavoro, a partire dai prossimi giorni in cui inizierà la discussione sulla legge di Stabilità. Questa carica di energia è stata anche la risposta più convincente alla demagogia bieca fatta dal MoVimento 5 Stelle e da Forza Italia contro i “parlamentari abusivi”. Beppe Grillo ha scritto frasi totalmente inaccettabili, come “questi signori non devono più entrare in Parlamento: non hanno alcuna legittimità popolare nè istituzionale. Devono essere fermati all’ingresso di Montecitorio” . Parole che palesano un disprezzo per la democrazia ed il confronto davvero inquietanti, che seguono la vergognosa gogna mediatica attrezzata venerdì scorso per una giornalista colpevole solo di fare il suo mestiere. Un atteggiamento irresponsabile, tanto più grave se si considera il clima molto pesante che sta vivendo il nostro paese. L’abolizione del Porcellum ha creato un grave problema politico, ma la gogna dei parlamentari presunti abusivi è un’opera di bieca propaganda, tanto sbagliata nei contenuti quanto vergognosa nei toni violenti. Propaganda indecorosa che in questi giorni ha M5S e Forza Italia, il partito che ha a creato e difeso fino all’ultimo il mostro del Porcellum. I 2 milioni e mezzo di persone che hanno partecipato alle primarie hanno dato la migliore risposta possibile e confermato ancora una volta come il Pd rappresenti ancora la vera speranza per il nostro paese e per la democrazia.

111213