VARESE – “Qualcosa non torna. Il 30 novembre, quando fece la prima delibera sulle liste d’attesa, il presidente regionale Attilio Fontana diceva che avrebbero richiamato entro un mese 66 mila cittadini che non avevano trovato posto nei tempi indicati dalla prestazione. Due mesi annuncia che ne sono stati contattati 23 mila, circa un terzo, e solo per 8 mila di loro le visite o gli esami sono stati riprogrammati in tempo”. Lo dice Samuele Astuti, consigliere regionale ed esponente del Pd.

Prosegue Astuti: “Davvero una piccola parte, considerando che in questi due mesi se ne sono aggiunti altri di cittadini messi in liste d’attesa troppo lunghe. Solo 8 mila persone hanno giovato di questa iniziativa della giunta Fontana, mentre tutte le altre, contattate o meno, o sono in attesa oppure hanno deciso di ricorrere alla visita o esame a pagamento. Esito davvero misero, più di propaganda che reale, e sulla salute dei cittadini non si può fare propaganda”.

(foto archivio: Samuele Astuti davanti all’ospedale di Saronno)

24012023

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.