SARONNO – Con un coltello di 35 centimetri ha messo a segno almeno 4 rapine tra le stazioni ferroviarie di Saronno Sud e Caronno Pertusella a danni di ragazzi italiani ma ieri, grazie alle descrizioni delle vittime e allo spirito d’osservazione dei carabinieri, è stato arrestato in un attività commerciale di Saronno.

Tra la serata di venerdì e la giornata di sabato, erano giunte varie segnalazioni ai militari diverse segnalazioni su un rapinatore che si aggirava tra le stazioni ferroviarie di Saronno Sud e Caronno Pertusella, minacciando ragazzi con un coltello di grosse dimensioni e facendosi consegnare soldi contanti che avevano in tasca o telefoni cellulari. Quattro le vittime che si sono rivolte alle forze dell’ordine.

I carabinieri si sono subito mobilitati ricostruendo dalle descrizioni delle vittime l’identikit del rapinatore. Una scelta che si è rivelata utilissima visto che, ieri pomeriggio, una pattuglia del radiomobile, eseguendo un controllo in un’attività commerciale del centro di Saronno, ha incrociato un ragazzo che somigliava a quello descritto. Un 21enne di nazionalità ucraina che parlava senza difficoltà l’italiano.

Bloccato, è stato immediatamente perquisito ed è stato trovato in possesso di un coltello da macellaio delle dimensioni di 35 centimetri che celava all’interno dei pantaloni. Oltre all’arma, era in possesso di un telefono cellulare molto costoso di nuova generazione, che ovviamente asseriva essere il suo.

Il ragazzo è stato accompagnato in caserma dove sono state convocate le vittime che l’hanno riconosciuto. Non solo. Il telefono cellulare in possesso del rapinatore era uno dei proventi delle rapine, tanto che una delle vittime lo ha riconosciuto, dandone dimostrazione della proprietà.

Il coltello è stato sequestrato, mentre il telefono provento del reato è stato restituito al legittimo proprietario. Terminato il disbrigo delle pratica il 21enne è stato accompagnato al carcere circondariale di Busto Arsizio. Deve rispondere di 4 rapine e di porto abusivo di arma. Le indagini proseguono per accertare se al giovane siano imputabili altri episodi.

19032017

15 COMMENTI

  1. Dalla foto appare un coltello da “taglio carni” comune in tutte le case, della lunghezza con manico di 30 cm. e con lama di 20 cm.
    I 35 cm. sono frutto della “fantasia” giornalistica. Non facciamo processi mediatici. Il tutto è ancora da dimostrare in sede giudiziaria. Per favore si rettifichi il titolo dell”articolo. Grazie.

    • Gli trovano addosso un cellulare rubato, un coltello da 35 cm, oopps da 30 con 20 di lama (come fosse normale portarselo nei pantaloni), viene pure riconosciuto dai derubati.
      Va bene essere garantisti ma più colpevole di così !
      Certo aspettiamo il giudice e intanto magari lasciamolo a piede libero…
      E ci si scandalizza del “processo mediatico”.
      Ma mi faccia il piacere …

      • Lo prevede la normativa vigente: tre gradi di giudizio, poi se riconosciuto colpevole verrá applicata la pena prevista dal codice. Se non le stà bene puó sempre far cambiare la norma. (se ci riesce).

        • Almeno 4 ragazzi rapinati con un coltellaccio da 30 cm e lei si preoccupa di rettificare il titolo e dei 3 gradi di giudizio.
          Poi ci chiediamo perchè l’Italia sta andando a rotoli.

        • non viene applicato niente delle pene previste dal codice sotto i 3 anni (e sotto i 5anni c’è pure la depenalizzazione a discrezione del giudice) grazie ai politici che votate e continuate a difendere con spirito garantista fino al quarto grado di giudizio vd Minzolini

          • lascia perdere minzolini ( e compagnia bella ) perché non c’entra nulla. Difficile che vada a rapinare giovani col coltello in mano. Stai difendendo l’indifendibile.

    • Gentilissima direttrice, per cortesia rettifichi il titolo dell”articolo, poichè quanto indicato non corrisponde al vero.
      Grazie.

      • Scusa ma cosa non corrisponde al vero 🙂 ?
        Che il coltello è di 30 cm circa anzichè 35 cm 🙂 ???

      • Ho capito ma se la lama fosse anche da 20 cm sarebbe comunque grave.
        Certo che se uno ha un’arma da guerra con la rigatura nella canna commette reato piú grave di avere un’arma ad uso civile con la canna liscia, ma comunque sempre di arma si tratta.
        Il coltello va bene in macelleria, non serve in stazione.

  2. Quando esce braccialetto elettronico per monitorare spostamenti,

    Farei un referendum propositivo
    Che Dite?

  3. Risorse dall’Est… che pagheranno la pensione al primo Anonimo che ne fa una questione di lunghezza!

  4. 30 o 35 fa poca differenza.volevo vedere se lo usava contro di te.certa gente se colpevole va rispedita a scontare la pena nelle propie galere.se non si puo si mette a lavori socialmente utili pulire strade canali fiumi ecc ecc fino a quando gli passa la voglia di rompere le scatole ai ragazzi che vanno a scuola.

Comments are closed.