COMASCO – Un arresto per tentato omicidio nel comasco: all’alba di oggi i carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un 42enne originario della provincia di Monza e Brianza, ritenuto responsabile dei reati di tentato omicidio e porto di armi od oggetti atti ad offendere.

L’indagine si è stata sviluppata a seguito del grave evento di sangue accaduto a Luisago nel corso della serata del 13 giugno scorso, in conseguenza del quale,  al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, sono giunti, con lesioni d’arma da taglio, due persone della provincia di Savona. La prima ricostruzione dei fatti, fornita nell’immediatezza da una delle vittime, non aveva convinto i militari. Il ferito, infatti, aveva riferito che un cittadino extracomunitario, in Luisago, via IV novembre, aveva prima richiesto loro del denaro e poi, a seguito del rifiuto opposto, li aveva aggrediti con un coltello, colpendoli rispettivamente alla mano e alle spalle. Le vittime dell’aggressione si erano poi recate autonomamente in ospedale.

La dinamica fornita è apparsa sin da subito inverosimile. L’analisi dei sistemi di video-sorveglianza, nonché la ricostruzione dei fatti basata sulle dichiarazioni di numerosi testimoni, hanno fatto definitivamente luce sulla vicenda, consentendo di raccogliere elementi di colpevolezza a carico del brianzolo. Ancora da chiarire, nel dettaglio, le precise motivazioni a base della lite scaturita tra le parti (attualmente al vaglio degli inquirenti). Lo scenario di sfondo, tuttavia, è stato inquadrato: motivo della contesa la compravendita di alcuni macchinari e incongruenze sul relativo pagamento. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato trasferito nel carcere di Monza.

21062018