pista ciclabile rossa via Reina (5)SARONNO – Hanno suonato alla sua porta e gli hanno restituito la busta con lo stipendio che aveva perso il giorno prima. Stentava a credere ai suoi occhi il saronnese che si è ritrovato in mano il denaro che aveva smarrito per strada il pomeriggio precedente.

E’ successo qualche giorno fa in via Filippo Reina. Dopo aver ritirato la busta paga un saronnese stava camminando rapidamente per andare in Municipio e a fare delle commissioni. Forse mettendo le mani in tasca per il freddo o per prendere il cellulare non si è accorto di aver fatto cadere la busta che conteneva i 450 euro appena ritirati.

Arrivato in piazza Repubblica davanti al palazzo comunale si è reso conto di non avere più la busta e così è tornato sui suoi passi con la speranza, se pur remota, di ritrovare la busta.  L’ha cercata lungo tutto il percorso chiedendo a passanti e residenti ma purtroppo della busta e del denaro non c’era più traccia.  Amareggiato non ha potuto far altro che tornare a casa dopo una giornata davvero da dimenticare. Sembrava tutto finito ed invece il giorno dopo qualcuno ha suonato alla sua porta. Erano alcuni operai bergamaschi impegnati in un cantiere nella zona di via Reina. Hanno spiegato al saronnese di aver notato la busta a terra e di averla aperta. Dalla busta paga hanno preso l’indirizzo per restituire il denaro.

Così il saronnese ha riavuto il proprio stipendio e la dimostrazione che l’onesta e la correttezza abitano ancora in città.

7 Commenti

  1. Prendiamo tutti esempio da persone come queste…!!!
    Poche chiacchiere e più fatti.

  2. Ecco, qualche bella notizia ogni tanto ci vuole, anche per tirarci su di morale.

    Perché poi è vero che siamo sempre qui a parlare degli alberi che cadono, e quasi mai della foresta che cresce. 🙂

    Un bravo agli operai che hanno riconsegnato il denaro.

  3. E’ davvero confortante che in questa bell’Italia ci sono ancora tante persone oneste! Sono propio queste che ci devono dare la forza di guardare avanti con un po’ piu’ di serenità

Comments are closed.