CERIANO LAGHETTO – E’ Gabriele Meroni, classe 2a F della scuola secondaria di Primo grado “Aldo Moro”, il nuovo “sindaco dei ragazzi” di Ceriano Laghetto.

CONSIGLIO RAGAZZI 14

E’ stato eletto lunedì mattina, tra i nove componenti del consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze (Ccrr), che avevano invece ricevuto l’incarico al termine delle elezioni generali della scuola, svoltesi venerdì 10 gennaio. Accanto a lui ci sono gli altri otto consiglieri scelti nel corso delle elezioni: Maddalena Meroni (1E), Francesco Prina (1F), Lorenzo Braggion (1G), Felipe Caimi (2E), Edoardo Cataldi (2G), Sveva Lizza (3E), Jeferson Fossati (3F) e Andrea Bassani (3G). L’elezione del Consiglio comunale dei ragazzi, giunge al termine di un percorso di preparazione fatto di lezioni specifiche nelle ore di “Cittadinanza e Costituzione” con le quali si vuole avvicinare i ragazzi alla conoscenza delle istituzioni e degli organismi democratici che regolano la vita dei cittadini, sia essa il Comune, la Provincia, la Regione o lo Stato.

Il consiglio comunale dei ragazzi è un organismo consultivo chiamato a confrontarsi, almeno una volta all’anno con il consiglio comunale vero e proprio per esporre all’Amministrazione comunale, iniziative, proposte e suggerimenti che emergeranno dal confronto all’interno della scuola. Il progetto nasce per promuovere l’effettiva partecipazione dei più giovani alla vita cittadina, rilanciando i principi sanciti dalla Convenzione dell’Onu sui Diritti dell’infanzia del 1989. Tutti i ragazzi sono stati adeguatamente preparati per affrontare le elezioni, con la scelta tra i diversi candidati per ciascuna classe nel corso dello scrutinio avvenuto alla presenza di rappresentanti dei genitori e dell’Ufficio scuola del Comune.

“Mi complimento con il collega-sindaco appena eletto a scuola, con i suoi consiglieri e con tutti i ragazzi che hanno partecipato con le elezioni a questa bella e importante iniziativa – ha commentato il sindaco Dante Cattaneo – Il consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze è uno strumento prezioso con il quale vogliamo mantenere sempre aperto il dialogo e il confronto con i più giovani e con il mondo della scuola”.

220114