SARONNO – Il gazebo propagandistico negato continua a suscitare polemiche da parte di Rinnovamento per l’Italia. Sulla vicenda anche la presa di posizione del segretario politico nazionale del movimento, Francesco Maurizio Mulino.

Non ci sono parole per descrivere quello che sta accadendo in Italia, Saronno compreso. Lo scenario politico di tutti gli altri partiti è confuso e critico. I vertici dell’Amministrazione comunale Pd saronnesi, alla nostra prima richiesta di collocazione di un gazebo per svolgere gli adempimenti necessari alla presentazione della lista ad elezioni 2015, quali ricerca candidati, raccolta firme, divulgazione di punti programmatici hanno respinto per iscritto l’ubicazione del nostro stand per la data del 25 aprile, la prefettura di Varese telefonicamente ha rafforzato tale diniego motivandolo con lo facciamo per la “tutela della sicurezza pubblica”, cioè temevano scontri per manifestazione dei centri sociali. Ora la domanda è spontanea: come mai per noi si temevano scontri con i centri sociali mentre invece per la Lega e suoi alleati no, visto che esponenti Lega e gazebo al seguito il 25 aprile erano in corso Italia? Possibile che per la lista del partito Rinnovamento per l’Italia con Claudio Chiappucci candidato sindaco si temevano scontri con i centri sociali e per la Lega e Forza Italia questi scontri non si temevano?

Prosegue Mulino

Inoltre anche per il giorno 26 aprile ci hanno verbalmente negato la collocazione del gazebo dicendo che non sarebbe stata concessa a nessuna forza politica a causa della presenza della fanfara pertanto, ci dicevano, “è inutile che ne fate richiesta”. Bene, noi abbiamo osservato il diktat dell’Amministrazione comunale non mettendo il nostro gazebo, ma la Lega ed altri come mai anche il 26 aprile sono li con il loro gazebo, e come mai proprio dove avremmo dovuto mettere il nostro, in via Mazzini angolo piazza Libertà, cera il gazebo del Pd anziché il nostro? Discriminazione, abuso di potere, non rispetto delle norme, impedimento a manifestare la nostra idea politica allo scopo di agevolare altri? Lo appurerà chi di competenza e se è il caso anche la magistratura. Ma la cosa che infastidisce di più è vedere come stanno martoriando la politica saronnese! Che la smettano di prendere in giro i cittadini, se per noi è discriminazione per altri allora è “favoreggiamento”; mi chiedo ma per quale strano motivo l’Amministrazione, Partito democratico, dovrebbe avvantaggiare la Lega Nord? C’è un’asse Pd, Forza Italia e Lega? Un patto di non belligeranza e di sostegno tra loro per la spartizione dei futuri seggi tra chi da anni gestisce la macchina amministrativa, da Governo e da finta opposizione, in barba alle ideologie politiche e di appartenenza? Ricordo che in fondo la Lega Nord non è un partito di destra ma solo una forza politica che fino a ieri portava avanti slogan quali “Padania is not Italy” ed oggi invece parla di “amici siciliani”. Ma quelli della vera Lega che inneggiavano a Miglio come la digeriscono questa situazione? Mentre il Pd nulla ha più a che vedere con i veri comunisti di una volta, io li considero oggi politicamente quali i “commercianti” di sinistra; Forza Italia a fatto il salto della staccionata da destra a sinistra visto che sono dichiaratamente alleati. Silenzi e favoritismi evidenziano a mio avviso accordi politici “sotterranei” all’insegna dell’inciucio ed in particolare è chiaro che temono la genuinità della nostra lista capitanata da Claudio Chiappucci, altrimenti perché ostacolarci così?

Con tutte le difficoltà che ci creano stiamo procedendo con gli adempimenti necessari alla presentazione della lista. Mi auguro che la vera destra saronnese ed i veri comunisti saronnesi vogliano riflettere attentamente su ciò che sta accadendo alla politica a Saronno e decidano di sostenere l’onesta politica.

28042015

4 Commenti

  1. Ho letto che la Mussolini è venuta a sostenere Gilli, lo sostiene con lo stesso fervore con cui tempo fa sosteneva Fiore di Forza Nuova??? Alternativa sociale si chiamava quell’esperimenti politico di riunificazione della destra qualcuno se lo ricorda? FI mi stupisce sempre, agile come un canguro pronta a supportare un ex Sindaco, film a Saronno già visto? mi chiedo quando FI deciderà di fare politica seriamente, ha consentito al Governo Renzi anche di modificare la Costituzione senza interpellare i cittadini ma una volta FI non indossava una sigla…. “Popolo delle Libertà”, chissà a quali Libertà si riferivano, a quelle dei cittadini? oppure a quelle dei Parlamentari di poter fare quello che gli pare? bha…può darsi che pensino ancora che bastano 4 belle parole politicamente fiorite per continuare ad abbindolare i cittadini creduloni. Sono realista e vedo che da molti anni si alternano al Governo del Paese, ci hanno dato l’Euro, un bel volume di immigrati clandestini, una fatica enorme ad arrivare a fine mese e mi fermo qui…di belle cose ne hanno fatte veramente tante ed a Saronno sono perfettamente in linea con i rispettivi vertici sia FI che il PD. Un film già visto basta guardarsi un’attimo indietro per vedere quanto di buono hanno realizzato per Saronno le due forze politiche, più che Lista di disturbo direi una vera e propria ulcera se riusciamo tra un impedimento e l’altro a presentare la Lista….per la cronaca l’autorizzazione per il Gazebo ci è stata data solo oggi. Saluti a tutti i lettori de Il Saronno ed alla redazione che consente agevolmente di commentare.
    Francesco Maurizio Mulino

Comments are closed.