UBOLDO – L’intervento degli agenti ed alla fine il sequestro di un fucile a canne mozze: è andata così quando una pattuglia della polizia locale del comando unificato di Uboldo-Origgio nel fine settimana è intervenuta per la presenza di una vettura sospetta alla periferia uboldese.

L’episodio si è verificato a Cascina Regusella, zona dove talvolta si appostano gli spacciatori e sempre tenuta sotto stretta osservazione dalle forze dell’ordine. In questo caso tutto è nato dalla segnalazione di un cittadino che ha notato la presenza di una Seat Leon impantanata in una stradina sterrata fra i campi vicini a via per Cerro, con quattro persone che cercavano di sbloccare le ruote. E’ arrivata la pattuglia e gli sconosciuti hanno iniziato a scappare a piedi, nel bosco, subito inseguiti dai vigili. Ma il quartetto è riuscito a dileguardi: sulla vettura, abbandonata, è stato trovato un fucile, avvolte in una confezione di cellophane: si è scoperto che era di provenienza furtiva, rubato cinque anni fa a Seregno e tagliato sulla canna per farlo diventare un fucile a canne mozze. E’ stato sequestrato dagli agenti del comandante Alfredo Pontiggia, al pari della Seat, priva di assicurazione ed intestata ad una società sulla quale sono in corso approfondimenti ma che appare “fittizia”.

(foto: il fucile sequestrato dalla polizia locale)

07122020

2 Commenti

  1. Aspettiamo con ansia il vicesindaco di Ceriano che ci illumini sul degrado della città di Uboldo

Comments are closed.