ROVELLASCA – “Stamane, nella giornata della Memoria, 27 gennaio, alla presenza del prefetto di Como, Andrea Polichetti, e del sindaco di Rovellasca, Sergio Zauli, dinanzi alle autorità militari e civili, si è tenuta la cerimonia alla Pinacoteca di Como ove è stata conferita la “Medaglia d’onore a cinque cittadini italiani, militari e civili deportati e internati nel lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra ed ai familiari dei deceduti”. Tra questi – viene ricordato in una nota dell’Amministrazione comunale rovellaschese – anche Ferdinando Tipaldi, oggi deceduto, i cui familiari sono residenti nel nostro Comune“.

Ferdinando Tipaldi, carabiniere, trovatosi di stanza a Bolzano nell’anno 1944 e con giuramento di fedeltà al re, rifiutò il giuramento di fedeltà alla Rsi, la Repubblica sociale italiana: la conseguenza fu l’internamento in un campo di concentramento. Al termine della guerra tornò a ricoprire il ruolo di carabiniere ottenendo due medaglie al valore militare. Ha ritirato la medaglia per lui, il figlio, Lucio Tipaldi.

(foto: la consegna della medaglia alla Pinacoteca di Como con il sindaco Sergio Zauli)

27012022