SOLARO -Il secondo turno di volontari di Protezione civile Aib (Attività antincendio boschivo) del Parco delle Groane e della Brughiera Briantea sta prestando servizio sempre a Piazza Armerina in provincia di Enna. La nuova squadra, che opera nell’ambito del Gemellaggio Aib (Antincendio boschivo) Sicilia 2022 del Drpcs (Dipartimento regionale protezione civile Sicilia) è condotta da Marco Monti residente a Bollate, già Dos (Direttore operazioni spegnimento) del Parco delle Groane, Roberto Campedelli di Novate Milanese, Mario Monza di Cesate e Vittorio Magnacavallo di Rovellasca.

I volontari, con il colleghi del Parco del Ticino, guidati da Alessandro Todaro, hanno incontrato Sara Elefanti, responsabile del coordinamento del Sistema del volontariato di Protezione Civile e Pianificazione emergenza di Regione Lombardia, oltre al responsabile regionale Aib, Marco Baldussi. Dopo un briefing sugli obiettivi del Gemellaggio Aib e sull’attenzione da porre in merito alla previsione, prevenzione e difesa attiva contro gli incendi boschivi è stato fatto un sopralluogo su tutta l’area di Piazza Armerina interessata dagli incendi di inizio luglio. Un momento importante, che ha consentito di approfondire anche i danni da erosione sulle aree appena percorse dagli incendi, con particolare rischio di aumento del pericolo in caso di forti precipitazioni. I tecnici hanno verificato anche lo stato della vegetazione boschiva siciliana, del sottobosco, delle chiome degli alberi e della stratigrafia dei luoghi. Si tratta di ambienti molto diversi dalle aree boschive della Lombardia.

Fino al termine della missione, i volontari del Parco delle Groane con i due automezzi in dotazione, saranno parte attiva sia dell’attività di prevenzione sia della difesa della vegetazione degli incendi. “A tutti loro va ancora una volta il ringraziamento del presidente del Parco delle Groane, Emiliano Campi a nome di tutto il Parco Groane” dicono dall’ente naturalistico delle Groane.

(foto di gruppo dei volontari delle Groane in Sicilia)

10082022