SARONNO – Domenica 15 ottobre don Fabio Molteni, nominato parroco di Rovello Porro lo scorso 7 settembre, farà il suo solenne ingresso nella comunità rovellese che, con la
partenza di don Maurizio Corbetta, si prepara a rivivere questo rito dopo 18 anni.

Nelle scorse settimane don Fabio ha incominciato a risiedere in paese e ha invitato tutti
alla preghiera perché questo evento porti frutti spirituali nella vita di ciascuno.
Il programma delle giornata prevede alle 10 un momento di preghiera al Santuario della B.V. del Carmine. Terminato questo momento, riceverà il saluto del sindaco Paolo Pavan. Dopodiché partirà il corteo verso la chiesa parrocchiale. Lì sarà accolto da don Franco Santambrogio, decano pro tempore, che a nome dell’Arcivescovo presiederà il rito della presa di possesso della parrocchia. Questo rito prevede diversi gesti: l’apertura della porta della chiesa parrocchiale, la rinnovazione delle promesse sacerdotali, la consegna della stola, delle chiavi del tabernacolo e degli oli santi ed infine l’aspersione – con l’acqua benedetta – del popolo di Dio da parte del suo nuovo pastore. Al termine della celebrazione seguirà un momento conviviale di rinfresco presso l’oratorio.

“Arrivo ora come parroco a Rovello dopo 22 anni di sacerdozio, grato dei doni che il
Signore mi ha fin qui elargito – sono le prime parole di don Fabio – Voglio salutare
proprio tutti, con il desiderio di non essere periferico nella vita di nessuno: dai bambini
ai ragazzi e giovani, alle famiglie, agli anziani e ai malati a cui va uno specialissimo
ricordo. Sono devoto alla Madonna del Carmine e mi rimetto ancora nelle mani di
Maria a cui ripeto: “Avvenga, o Maria, quello che tu vuoi!” Vi aspetto tutti domenica 15
ottobre!”

Don Fabio Molteni, originario di Cislago, è nato a Tradate il 3 gennaio 1964. Laureato in Giurisprudenza presso l’Università Statale di Milano, è licenziato in Santa Teologia alla Pontificia Facoltà di Spiritualità Teresianum in Roma. Ha esercitato il ministero come insegnante e direttore spirituale al Collegio Arcivescovile De Amicis di Cantù, poi presso la parrocchia di S. Michele Arcangelo in Busto Arsizio, successivamente ad Collegio Arcivescovile Castelli di Saronno ed infine la Comunità Pastorale S. Crocifisso in Tradate.