PizzolonSANTHIA’ – La trasferta a Santhià si rivela un boccone amaro per gli amaretti che faticano ad entrare in partita e lasciano tre punti preziosi alla neo promossa Santhià, che ha dimostrato di avere “ fame” di salvezza.

Coach Manavella propone il sestetto già annunciato alla vigilia della gara casalinga con Bertoni in palleggio, Destefanis opposto, di banda Andreatta e Manavella, al centro Salussolia e Riviera e come libero Pagliasso, mentre il saronnese Gianni Volpicella ripropone la formazione con cui ha vinto sette giorni prima contro San Giuliano: alla regia Pazzoni con in diagonale Pizzolon, gli schiacciatori Monni e Ballerio, i centrali Tascone e Buratti e come libero Giacomelli.

Nel primo set le squadre si studiano e procedono a braccetto: 2-2, 4-4, 6-6 fino al primo time out tecnico quando Saronno mette la testa avanti con un attacco di Tascone (7-8), un ottimo turno in battuta di Pizzolon (2 ace) e un attacco di Ballerio scavano il break (8-12).

La macchina Saronno si inceppa e Santhià ne approfitta portandosi in parità sul 13-13, gli amaretti rispondono a tono prima con Monni (13-14) e poi con Pizzolon (14-17), ma a questo punto niente gira piu’ per il verso giusto e i piemontesi ingranano la quinta e raggiungono Saronno sul 17-17 per poi portarsi sul 21-17. Pazzoni si affida alle bande ma due punti di Ballerio e uno di Monni non stravolgono il risultato del set che si chiude sul 25-22 a favore dei locali.

Nel secondo set tocca a Pizzolon prendere per mano i compagni e tirarli fuori da un parziale fallimentare: 0-1, 4-6, ma già al primo time out tecnico Santhià e’ avanti (8-6), l’opposto saronnese sigla l’8-7, 10-9 e riporta gli amaretti in partita (13-13, 14-14, 15-15).

Coach Volpicella si gioca la carta Cecchini per Buratti, Zaccone in battuta al posto di Tascone e Sall per Ballerio, ma i piemontesi mettono il turbo e si portano sul 21-15 con un parziale di 6 a 0 e neanche un buon giro di battuta del giovane Sall (1 ace) riesce a riequilibrare il set che si chiude sul 25-20.

 Nel terzo set e’ tutto facile per Santhià che si trova davanti un Saronno arrendevole ed e’ subito 8-4 e 16-12 al secondo time out tecnico; entra in campo il palleggiatore Luca Chiofalo al posto di Pazzoni, ma sulla scia dell’entusiasmo e complici alcuni errori degli ospiti Andreatta e compagni volano sul 20-14, per poi portarsi sul 22-16 e chiudere sul 25-19.

Commenta cosi a fine partita il tecnico Gianni Volpicella la performance dei suoi:”sono deluso, stasera ho visto l’altra faccia della nostra squadra che non avevo visto sabato scorso. Nei miei ragazzi è mancato il “sangue negli occhi”, siamo stati poco coraggiosi lasciando l’inerzia della gara al nostro avversario e sono emerse le paure di fare quelle cose che in allenamento riescono perfettamente mentre sotto stress no. Santhià ha dimostrato di non meritare la classifica che occupa, soprattutto dopo l’innesto di Andreatta che ha dato equilibrio in ricezione e il rientro dell’opposto Destefanis che con la sua esperienza ed i pochi errori tiene perennemente sotto pressione la difesa avversaria.

Quindi onore al nostro avversario, anche se obbiettivamente l’abbiamo agevolato con tanti errori gratuiti.

Credo che il mio lavoro in palestra coi ragazzi debba essere improntato soprattutto sul miglioramento dell’atteggiamento, della sicurezza e della determinazione. Adesso bisogna cancellare rapidamente questa partita guardando già alla prossima”.

Pallavolo Santhià-Pallavolo Saronno 3-0 (25-22, 25-20, 25-19)

PALLAVOLO SANTHIA’: Bertoni, Destefanis, Andreatta, Manavella, Salussolia, Riviera, Pagliasso (L), Fontana, Gullino, Fioravera, Salto, Colazzo, Medina, Oberti (L2). All. Manavella.

PALLAVOLO SARONNO: Pazzoni 2, Pizzolon 17, Tascone 4, Buratti 2, Monni 7, Ballerio 7, Giacomelli (L), Sall 1, Cecchini 3, Chiofalo, Zaccone, n.e. Di Benedetto, Monti (L2). All. Volpicella-Debbi.

030313