SARONNO – Diede in escandescenze nella caserma dei carabinieri, dopo che gli era stato notificato un provvedimento restrittivo per precedenti reati: cercò di aggredire un maresciallo, lo minacciò e prese a testate gli arredi in ufficio. Questo l’exploit di un trentenne saronnese, che per quell’episodio è stato di recente processato al tribunale cittadino e condannato a quattro mesi di reclusione.

tribunale bandiere sgualcite (4)

I fatti incriminati erano accaduto la sera del 22 novembre 2011, nei suoi confronti il pubblico ministero aveva chiesto un anno di carcere.

260713