SARONNO – Pomodori e canapa: i primi perfettamente legali, la seconda tutt’altro. Piante sempre e comunque rigogliose, quelle curate “amorevolmente” da un 28enne saronnese, residenti in un condominio di piazza Pertini, nel nuovo complesso sorto in fondo a via San Giuseppe a Saronno.

I carabinieri, avuta una “soffiata”, sono andati a fargli visita la mattina dell’altro giorno. Lo hanno trovato, erano le 9.30, mentre usciva di casa, era sul pianerottolo. I militari del comando cittadino si sono presentati con un ordine di perquisizione. Sul terrazzo hanno trovato una pianta di canapa, dalla quale si produce la marijuana, accanto a quelle di pomodoro. Era alta sessanta centimetri. In camera da letto ce n’era un’altra ancora più grande, di novanta centimetri; mentre nel bagno ce n’era una secca, di quarantacinque centimetri.

pianta canapa

Le piante sono state sequestrate e saranno distrutte, il ragazzo – che abita solo e risulta senza occupazione – è stato denunciato a piede libero per l’illecita coltivazione, realizzata da autodidatta. Non è stato chiarito che la finalità della coltivazione fosse il consumo personale o se parte della produzione fosse destinata ad essere rivenduta.

Foto archivio di una pianta di canapa sequestrata di recente dai carabinieri.

171013

7 Commenti

  1. morena, diciamo che i reati vanno segnalati, gli abusi vanno interrotti, i soccorsi vanno fatti….

    le PIANTE VANNO COLTIVATE E LASCIATE VIVERE.. qua c’è la messa al bando di un essere vivente

  2. Burocrazia, giudici, polizia… per ben due piante! Eh si, sicuramente oggi la societa saronnese e molto piu sicura. Ma che spreco di risorse dei contribuenti! Veramente non c’e meglio da fare con quei soldi?

    • io non fumo erba, ma personalmente se un mio vicino se ne coltiva una piantina la cosa non mi tange, non per questo mi sento omertosa, l’omertà è ben altra cosa, a mio parere. Libero di non condividere il mio pensiero, ma farlo arrestare per una pianta mi pare crudele.

      • Primo: non è stato arrestato e non andrà in carcere (se è consumo personale).
        Secondo: mettiamo caso che un giorno o chi la coltiva o un amico a cui la dà, causa un incidente perché si mette al volante dopo averla usata, provocando una vittima. Come si sentirebbe?
        Per me potrebbe essere la persona più buona e brava del mondo ma un reato è un reato.

Comments are closed.