Saronno – «Con la riduzione del taglio alle risorse dei patronati, il Parlamento riconosce, ancora una volta, il loro ruolo prezioso ed indispensabile». Lo dice Maria Chiara Gadda, deputata Pd eletta sul territorio, che si dice soddisfatta per l’approvazione, da parte della commissione bilancio del Senato, di un emendamento del relatore che riduce ulteriormente il taglio previsto originariamente nella Legge di Stabilità.

«Alla Camera con un emendamento che avevo firmato assieme ad altri 140 deputati PD, siamo riusciti a dimezzare il taglio da 150 a 75 milioni – ricorda l’esponente democratica – e ora, la commissione ha disposto che il taglio sarà di soli 35 milioni». L’emendamento inoltre, «rafforza le funzioni, la trasparenza e l’efficienza dei patronati, grazie al potenziamento dei loro canali telematici, trovando un giusto punto di equilibrio tra risparmio di spesa e tutela dei soggetti deboli. I patronati offrono gratuitamente, in modo capillare sul territorio nazionale, servizi di carattere essenziale, svolgendo un ruolo sociale importantissimo nel disbrigo di pratiche burocratiche che lo Stato non è ancora riuscito a rendere più agevoli per molti cittadini».

Conclude Gadda: «Il Governo Renzi sta facendo molto per alleggerire e semplificare la vita ad imprese e persone, a partire dal 730 pre-compilato che sarà sperimentato a partire da quest’anno ma ancora molta strada è necessaria. E’ positivo che il Parlamento si sia reso protagonista in questa discussione sulla Legge di Stabilità, confermando il sostegno per il lavoro dei patronati e garantendo loro un finanziamento adeguato. Sono servizi come questi, gratuiti ed universali, che riescono ad assistere al meglio soprattutto i soggetti più fragili della popolazione».

23122014maria chiara gadda pd