luca saibeneUBOLDO – “Nei giorni scorsi si è consumata la crisi politica e personale tra il sindaco Lorenzo Guzzetti e l’assessore ai Servizi sociali, Ercole Galli, culminata il 7 settembre scorso con le dimissioni, prive di ogni motivazione, dell’assessore che risulta assente anche dalle precedenti sedute di giunta del 27 agosto e del 3 settembre”. Inizia così un intervento della lista civica di opposizione Progetto per Uboldo-Centrosinistra unito (rappresentato in consiglio comunale da Luca Saibene, foto)  sul recente rimpasto di Giunta.

Non sappiamo bene cosa sia accaduto, perché ancora una volta Uboldo al centro si è contraddistinto per la poca chiarezza e trasparenza, e quali gravi dissidi, sicuramente di natura personale, siano maturati tra i due. Qualunque sia stata la problematica all’ex assessore Galli esprimiamo, comunque, la nostra piena solidarietà. Vogliamo poi complimentarci con il sindaco Guzzetti per la bella trovata della staffetta in Giunta. Una storiella, poco originale per giustificare la cacciata di qualcuno, a cui probabilmente non crede nemmeno lui. Una scusa bella e buona in spregio all’intelligenza dei cittadini. Una staffetta, che dovrebbe riguardare un cambio di persone nei medesimi posti e con le medesime deleghe, si programma, si dichiara in tempi non sospetti e non la si inventa a cose fatte.

Perché sostituire proprio l’assessore Galli? Vogliamo ricordare che Galli non si dimise (e il sindaco Guzzetti, complice il totale immobilismo delle opposizioni consiliari dell’epoca, non lo rimosse) nemmeno quando nel 2011 si trovò in condizione di incompatibilità (accertata solo lo scorso anno grazie all’iniziativa di Progetto per Uboldo Centrosinistra unito) con il ruolo di consigliere e di assessore del comune di Uboldo. I cittadini avrebbero diritto di conoscere la verità e sapere cosa si nasconde effettivamente dietro a questo giro di poltrone. Non possiamo poi evitare di commentare la scelta del sindaco di eliminare l’assessorato alla pubblica istruzione attribuendo tali competenze ad una semplice delega ad un consigliere. La scuola e l’istruzione sono alla base della formazione dei nostri piccoli cittadini e meriterebbero una considerazione e un riconoscimento assai più elevato anche a livello istituzionale.

Staremo a vedere cosa succederà, ma siamo certi che la navigazione a vista del sindaco Guzzetti si farà sempre più burrascosa. Speriamo che le beghe interne ad Uboldo al centro non danneggino i cittadini uboldesi che hanno il diritto di essere amministrati, informati e coinvolti al meglio dall’amministrazione comunale.

18092015

2 Commenti

  1. conosco bene l’avv, Saibene e le posso assicurare che non esercita nel tempo libero ed è una persona assolutamente affidabile e competente inoltre ci mette la faccia e non come lei che si cela sotto uno pseudonimo, io ho fatto molti commenti e mi sono sempre firmato le consiglio di fare altrettanto, vi è di più conosco Lorenzo dalla nascita ed ho seguito direttamente UAC per tre anni ma ora ho cambiato idea per varie ragioni la saluto

  2. dimenticavo io vieterei di pubblicare commenti anonimi con pseudonimi ognuno si deve prendere le proprie responsabilità di quanto scrive e metterci la faccia, ricordate il bambino che
    lancia il sasso e poi nasconde la mano? ma qui non si tratta di bambini o, forse, mi sbaglio

Comments are closed.