SARONNO – “Mercoledì mattina eravamo presenti con una delegazione dei Professionisti Imprenditori Uniti al Mercato di Saronno, per informare gli ambulanti e i cittadini riguardo gli sviluppi sull’applicazione della direttiva Bolkestein. È stato un bel momento di incontro con la cittadinanza, che si è interessata alla nostra attività sul mercato”.

Inizia così la nota di Doma nunch in merito all’iniziativa realizzata durante il mercato cittadino. “I cittadini chiedevano spiegazioni riguardo l’argomento, che per quanto tecnico e “riservato agli addetti ai lavori”, il destino del mercato va a incidere direttamente sulla vita quotidiana di una città, andando ad interessare chiunque. Quindi tutti quelli che si sono fermati a informarsi, sono rimasti ben favorevoli della scelta dellAmministrazione, che vede il comune di Saronno applicare il decreto “milleproroghe” e non farà partire i bandi”. Un’iniziativa che vuole essere solo un punto di partenza: “Insieme ai Professionisti Imprenditori Uniti, e alle altre sigle di categoria, continuiamo la battaglia iniziata insieme anni fa, per vedere lo stralcio della categoria ambulanti dalla direttiva”.

18022017

18 Commenti

    • Parole a caso…
      Invece la questione Bolkestein inciderà parecchio sulla vita quotidiana, sia per il commercio, il lavoro, che per la sicurezza.
      Vediamo come andrà.
      A Saronno mi pare siano gli unici a sapere cosa sia la Bolkestein, vero?!

      • Parole a caso ????

        1-mille proroghe :era ora che si applicasse

        2-Bolkestein: ambulanti sono esclusi al contrario dei balneari

        Esseri informati e non strumentalizzati aiuti

    • Piccolo problema: se la giunta applica il milleproroghe è perché al governo e al parlamento si è prorogato… quindi temo non siano i soli a vedere qualcosa di sbagliato nelle tempistiche. Se tutti la pensano così, come si fa dunque a dire “la storia vi spazzerà via”?

    • 1-milleproroghe : era ora che si applicasse

      2- Bolkestein: gli ambulanti sono stati esclusi al contrario dei balneari Non è poi così difficile saperlo

      Pensano forse che i cittadini siano poco più formati e soggiaciano inermi alla loro strumentalizzazione?

      • Nel milleproroghe si posticipa la Bolkestein al 31 dicembre 2018 per gli ambulanti.
        Per saperlo basta leggere (il milleproroghe). Cosa hai letto tu?

  1. Come al solito ci si preoccupa solo per il proprio orticello. Anche il settore dei mercati tradizionali e rionali che settimanalmente gli ambulanti svolgono nei grossi centri urbani si evolve, programmando un processo di riqualificare la professionalità degli operatori settoriali e quindi è necessario chiedersi se si vuole sviluppare e migliorare un ambito di interesse economico e sociale apportando le modifiche più opportune o lasciarlo deperire, svilendolo fino alla sua autodistruzione e scomparsa. Mettersi di traverso contro la direttiva europea non facendo partire i bandi si condiziona il futuro del settore. Modulare invece la riqualificazione si danno opportunità di crescita.

  2. già, difendono i privilegiati che vorrebbero l’isola felice senza concorrenza, esattamente come i gestori dei bagni al mare (che sono una oscenità tipicamente italiana).

    Poi hanno sempre comperato BMW fregandosene dell’italianità dell’automobile.

  3. La Bolkestein è ormai una realtà in tutta Europa e indietro non si torna.
    L’accordo è stato fatto per permettere ai milioni di stranieri che sono qui di svolgere un’attività. E’stato individuato l’ambulantato ormai in declino per gli Italiani con la benedizione delle associazioni di categoria.
    Il consiglio? Vendete la licenza al miglior offerente la festa finisce il 31.12.2018

  4. Doma nunch uscite dal vostro cortiletto andate in giro per il mondo anche nella destrissima Ungheria gli ambulanti sono tutti magrebini o indiani e pakistani.
    Ormai il mercato è superato per certi settori come l’abbigliamento è adirittura esageratamente caro rispetto ad altre realtà. Questi vendono merce che comprano tramite rappresentanti dai grossisti che comprano tramite rappresentanti dai produttori che comprano tramite rappresentanti dagli importatori…
    Ergo un prodotto che costa 5 lo pagate 50.
    Ora ci sono diverse imprese che importano e vendono direttamente al pubblico ad un prezzo indiscutibilmente inferiore.

    • Al mercato saronnese sono ormai pochissimi gli italiani che hanno le bancarelle Si può ben dire che gli ambulanti sono ad ampia maggioranza stranieri Deduco quindi che Doma nuch tutela gli stranieri ? basta saperlo

  5. Scusate illustri professori da tastiera avete letto il testo originale della bolkestein e le conseguenze dirette della sua applicazione? Prima di parlar di proroghe, sapete cos’è una direttiva europea e come si innesta nell’ ordinamento? Capisco che siete tutti bravi a criticare e fare gli opinionisti della situazione, ma leggete le cose che scrivete prima di pubblicarle, almeno non date a vedere la vostra situazione di disinformazione oltre che al vostra incompetenza politico-giuridica .

    • Ho letto il testo e ribadisco che la festa finira’ il 31.12.2018
      Chi ha orecchie per intendere intenda.

  6. E chi lo dice che il comune incassi di più vendendo le licenze agli amici che facendo delle aste aperte a tutti per i posti delle bancarelle dei mercati?
    Ormai NON esistono più diritti acquisiti in questo campo (oltre che per gli stipendi ed i posti di lavoro o l’articolo 18).
    Più della metà delle bancarelle sono gestite da stranieri o immigrati dell’ultima ora e non sono più le storiche famiglie di ambulati.
    La Bolkestein non può che migliorare questa situazione.
    Si facciano bandi mirati per assegnare un posto ora occupato da frutta e verdura ad un operatore di frutta e verdura in modo da non snaturare la varietà ma ci si aggiorni. Il tempo degli “amici degli amici” è tramontato definitivamente.

Comments are closed.