Home Città Granello don Luigi Monza: da oggi attivo anche a Saronno

Granello don Luigi Monza: da oggi attivo anche a Saronno

815
0

SARONNO – Oggi lunedì 7 ottobre la Cooperativa sociale “Il Granello don Luigi Monza” apre la nuova sede a Saronno, all’angolo di via Torricelli e Galileo, proponendo, con professionalità ed impegno, servizi volti a sostenere persone con disabilità e le loro famiglie.

Sfa e Cse saranno i primi servizi educativi attivi nella nuova casa del Granello: un Servizio di Formazione all’Autonomia volto a promuovere lo sviluppo di capacità e autonomie spendibili nel contesto familiare, sociale, lavorativo e due Centri Socio Educativi orientati a potenziare e mantenere le capacità personali e incrementare la socializzazione e l’inclusione sociale.

A breve aprirà anche una comunità alloggio, un servizio residenziale che garantirà ai propri ospiti un contesto domestico accogliente ed educativo. L’entusiasmo per questo nuovo inizio e la professionalità acquisita negli anni di lavoro con le persone sono la spinta e la colonna portante di questo progetto il cui scopo è il benessere della persona.

Il Granello don Luigi Monza è una cooperativa sociale attiva dal 1987 che coniuga esperienza con innovazione partendo dal lavoro e da uno spazio ad esso dedicato. Dal 2010 ha sviluppato il settore educativo incrementando i contatti in provincia di Varese e di Como per estendersi ai territori limitrofi. Oltre alle attività storiche della stampa e grafica e dello spazio lavoro, ci sono servizi di formazione all’autonomia e Centri socio educativi, una microcomunità e un progetto di palestra di vita indipendente.

In tale realtà più di 100 persone con disabilità svolgono quotidianamente attività di laboratorio, formativo e lavorativo, attività di consolidamento delle autonomie e delle capacità pratiche o di relazione, tirocini formativi o di avviamento lavorativo. Insieme a tutto ciò che costituisce la quotidianità della cooperativa, sono state intraprese alcune sperimentazioni di apertura al territorio, ai servizi e alle scuole, così da favorire inclusione e reciproca conoscenza.

(foto archivio)

05102019