Home ilSaronnese Cislago Non paga il pusher che gli spara al piede. Carabinieri risolvono il...

Non paga il pusher che gli spara al piede. Carabinieri risolvono il giallo arrestando 25enne

715
8

CISLAGO – GERENZANO – TURATE Stamattina i carabinieri della compagnia di Saronno hanno arrestato e portato in carcere a Busto Arsizio un 25enne di Turate accusato di lesioni personali aggravate, estorsione, porto illegale di arma clandestina e spaccio di sostanze stupefacenti.

Tutto è iniziato lo scorso 28 maggio all’interno del Parco Locale di Interesse Sovracomunale denominato bosco del Rugareto ove un 27enne di Gerenzano ha richiesto l’intervento dei carabinieri di Saronno, ai quali ha inizialmente dichiarato di essere stato vittima di un aggressione da parte di uno sconosciuto che lo avrebbe ferito al piede con un colpo di pistola.

I carabinieri, immediatamente intervenuti, hanno cercato riscontro alle dichiarazioni del giovane, già noto alle forze di polizia in quanto assuntore di sostanze stupefacenti, che sono risultate poco verosimili e contraddittorie.

In particolare, incrociando i dati relativi ad un bossolo calibro 45 rinvenuto durante il sopralluogo da parte dei militari specializzati e posto sotto sequestro con un software sofisticato inserito in un database contenente tutte le armi utilizzate per commettere delitti, i carabinieri di Saronno hanno notato che lo stesso era compatibile con un’arma già utilizzata per perpetrare una rapina in provincia di Como, come confermato anche dalle perizie balistiche eseguite dagli esperti del Ris di Parma.

Le conseguenti tradizionali attività di indagine hanno consentito di risalire all’identità dell’autore della sparatoria, un 25enne di Turate già noto alle forze di polizia riconducibile ad un debito di droga: l’aggressore forniva alla vittima, mediamente, 400 grammi di marijuana al mese, tanto che il 27enne era arrivato ad accumulare un debito pari a 2.400 euro.

Dovrà rispondere di concorso in estorsione anche la sorella dell’arrestato, denunciata dai carabinieri dopo aver accertato che questa, a sua volta, ha perpetrato ripetute minacce nei confronti della sorella della vittima, volte ad indurla a saldare il debito contratto dal fratello.

24102019

8 Commenti

Comments are closed.