SARONNO – Sarà discussa nel consiglio comunale in programma giovedì 30 gennaio alle 20,30 in Sala Vanelli a palazzo Insubria la mozione di solidarietà alla Senatrice a vita Liliana Segre presentata ai consiglieri di minoranza Francesco Banfi, Franco Casali, Francesco Licata, Davide Vanzulli, Paolo Riva, Rosanna Leotta, Ilaria Pagani e Nicola Gilardoni.

In sostanza la mozione, alla luce degli ultimi fatti dagli insulti e minacce alla senatrice, chiede al Sindaco e all’amministrazione comunale “di condannare i fatti accaduti ed esprimere la propria censura a nome della città e dei cittadini saronnesi, auspicando nel contempo che gli autori possano essere perseguiti a termini di legge”. Ed anche di “esprimere la propria incondizionata solidarietà alla senatrice a vita Liliana Segre, augurandosi che tali fatti non abbiano a ripetersi”.

E vista l’importanza del tema si chiede anche “di organizzare un incontro con la senatrice Liliana Segre in occasione della prossima Giornata della Memoria, al fine di stimolare le giovani generazioni al dibattito e arricchire tutta la città”.

La mozione era stata presentata prima delle festività natalizie ed inserita all’ordine del giorno ma la sua discussione era stata rinviata nella lunga seduta dedicata all’approvazione del bilancio previsionale.

Qui il testo integrale della mozione

PREMESSO CHE:
• La Costituzione della Repubblica Italiana, rispettivamente agli Art. 2), 3) ed 8) riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, afferma che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali ed afferma che tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla Legge.
• All’Art.16) e 19) la Costituzione afferma inoltre che ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la Legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza e che tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto.

CONSTATATO CHE:
• Ogni giorno in Italia sono numerosi i messaggi di insulto antisemita effettuati tramite web ed altri media, fenomeno che prosegue da anni e che si sta purtroppo intensificando.
• La Senatrice Liliana Segre é stata recentemente oggetto di pesanti e ripetuti insulti e minacce.
• La serietà di queste minacce è comprovata dal fatto che alla Senatrice Liliana Segre é stata assegnata la tutela di una scorta.

EVIDENZIATO CHE:
•Il Preambolo dello Statuto Comunale recita:
-“La comunità dei Saronnesi persegue l’eguaglianza tra i cittadini che hanno diritto alla Vita, alla Libertà ed al perseguimento della Felicità”;
-“La comunità dei Saronnesi forma una comunità naturale, culturale e socio-economica fondata su un condiviso patrimonio di valori, di cultura, di storia e su omogenee condizioni sociali, morali ed economiche.”
-“La comunità dei Saronnesi promuove la convivenza tra i cittadini ed è attenta alla qualità della vita dei suoi cittadini, che devono percorrere la loro esistenza in un ambiente sano, tranquillo, pulito, potendosi riunire in forme associative coerenti con le loro aspirazioni.”
-“La comunità dei Saronnesi rifugge dalla violenza e dalla prepotenza e diffonde tra i suoi cittadini l’amore per la Libertà e per la Pace, persegue il rispetto del Diritto e della Sicurezza.”

Il diritto ad esprimere liberamente il proprio pensiero è un principio sacrosanto della nostra Democrazia, ma non può essere un alibi per spargere a piene mani odio, intolleranza, razzismo e violenza.
Tutto questo premesso,

impegna il Sindaco e l’Amministrazione Comunale

•A condannare i fatti accaduti ed esprimere la propria censura a nome della città e dei cittadini saronnesi, auspicando nel contempo che gli autori possano essere perseguiti a termini di legge.
•Ad esprimere la propria incondizionata solidarietà alla Senatrice a vita Liliana Segre, augurandosi che tali fatti non abbiano a ripetersi.
•Ad organizzare un incontro con la Senatrice Liliana Segre in occasione della prossima Giornata della Memoria, al fine di stimolare le giovani generazioni al dibattito e arricchire tutta la città.
•A farsi interprete con il mondo scolastico cittadino della necessità che la scuola svolga un ruolo attivo e di responsabilità per superare l’indifferenza e ogni chiusura egoistica, far comprendere come la Storia debba insegnare a non ripetere gli errori del passato, e promuovere così momenti di dialogo e di rispetto reciproco.

5 Commenti

  1. L’elettorato saronnese sarà molto attento nell’ascoltare il dibattito assembleare che richiederà la trattazione di questa mozione. Valuterà con profonda coscienza e puntigliosità l’esito della votazione che i componenti dell’intero Consiglio Comunale del 30 gennaio 2020 esterneranno in quella sede.

  2. Mi sembra un’ottima mozione, bravi.

    Inutile invece quelli che propongono la cittadinanza onoraria: simbolo fine a se stesso, della serie “lo fanno tutti quindi anche noi.”

Comments are closed.