SOLARO – Ecco l’aggiornamento dei casi di contagio al 28 gennaio 2021 sul territorio comunale di Solaro.
In totale, dal primo caso di febbraio ad oggi, sono 877 i residenti risultati positivi (erano 861 il 21 gennaio) e 29 i deceduti, uno in più nell’ultima settimana.

In particolare, dal report fornito da Ats al Sindaco Nilde Moretti, risultano ancora 33 attualmente positivi: si tratta di 4 minori, 5 persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni, 17 adulti e 9 over65.
Dal 16 dicembre all’ultimo dato estratto, Solaro ha avuto una crescita media di circa 18 casi a settimana.
Nella settimana dal 7 al 14 gennaio c’è stato l’incremento maggiore, mentre nell’ultima settimana i nuovi casi sono stati 16.
Per percentuale di casi rispetto alla popolazione residente, il comune di attesta da un indice di 6,21 % al di sotto della media dei centri delle vicinanze.
Per tutto il mese di gennaio ad oggi non ci sono state classi delle scuole poste in isolamento.
Ricordiamo che tutte le persone in quarantena/isolamento domiciliare devono rimanere tassativamente presso il proprio domicilio e, nel caso risiedano con altre persone, devono rimanere all’interno della propria stanza, senza contatti con i conviventi.

“La fase della ripartenza – spiega il sindaco Nilde Moretti – come abbiamo potuto constatare già in altre occasioni, è comunque critica. Con tutte le riaperture della Zona Arancione possiamo riprendere a frequentare le attività commerciali del nostro paese ed il mercato con tutte le categorie di merci.
Nonostante la curva dei contagi sia visibilmente in decrescita, questo non ci deve far abbassare la guardia né tanto meno credere che sia tutto finito.
Dobbiamo continuare a prestazione attenzione al distanziamento sociale, all’utilizzo delle mascherine ed alla frequenta igienizzazione delle mani, anche per rispetto di tutti coloro che se sono andati, di chi è ancora malato e di tutti i potenziali soggetti a rischio”.

(foto archivio)

2 Commenti

  1. La mascherina non serve, dittatura sanitaria, convegni in senato, riaprire gli stadi…

  2. Controllate che in regione vengano inseriti correttamente che se sbagliano ancora torniamo in zona rossa

Comments are closed.