VAREDO – LIMBIATE “La squadra emergenze di Arpa Lombardia sta intervenendo da questa mattina a Varedo, dove intorno alle 5.30 si è sviluppato un incendio di grosse dimensioni nell’area ex Snia.
Il rogo ha coinvolto un capannone di 20000 metri quadrati contenente rifiuti e le fiamme stanno interessando un area di 6000 metri quadrati dello stesso, per un quantitativo stimato di circa 2000 tonnellate di rifiuti”.

Inizia così la nota di Arpa che spiega quanto emerso dai primi accertamenti svolti sul fumo che avvolge la zona da stamattina alle 5,30.

“L’area era sotto sequestro e oggi avrebbero dovuto iniziare i primi interventi di asportazione dei rifiuti presenti, ultima frazione non recuperabile degli urbani indifferenziati posizionati e stoccati già in balle e pronti per l’incenerimento. Al momento, dalle prime verifiche effettuate con strumentazione a risposta immediata, non si è rilevata presenza di criticità acute per le persone. Sul posto, sta intervenendo anche Il gruppo specialistico dell’Agenzia per il posizionamento di un campionatore ad alto volume per la misura dei microinquinanti, viste le previsioni di durata dell’incendio, superiore alle 6 ore.
Nel frattempo, sono in corso anche attente verifiche sul convogliamento delle acque di spegnimento poiché l’area si trova all’interno di un un bosco”.

Una nota che non rassicura completamente i residenti di Varedo, Limbiate e Bovisio Masciago alle prese stamattina dal fumo e con l’odore acre.

25092021

5 Commenti

    • I comunisti ecologisti invece non vedevano nulla in tutti questi anni e sono stati zitti

  1. Attenzione all italiano criticità acute per le persone , quindi non è olio 31, fa male respirare quell aria però x non allarmare non si dice.

    • Dicono solo di tenere chiuse le finestre a quanto pare, il fumo va in alto, il vento disperse il tutto in microdosi che se respirate non fanno male. E poi si lamentano dei peti delle mucche che aumentano la co2

Comments are closed.