Home Cronaca Auto ribaltata in via Bellavita. La seconda in 4 giorni in città

Auto ribaltata in via Bellavita. La seconda in 4 giorni in città

1474
7

SARONNO- Sono ancora tutte da chiarire le cause dell’incidente avvenuto questa mattina poco dopo le 10 in via Don Bellavita. Una Volkwagen Polo è uscita dalla carreggiata ha preso il cordolo dell’aiuola all’ingresso del Cps ed è finita, appoggiata sul lato guida, contro la recinzione.

A bordo un 59enne che era al volante ed una 60enne seduta al suo fianco. La donna è uscita da sola dalla vettura ma per “liberare” il conducente, decisamente dolorante, è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Saronno. Sul posto anche un’automedica con l’ambulanza della Croce rossa di Saronno e quella di Misinto. Sul posto anche la polizia locale che ha provveduto a deviare il traffico e a raccogliere le testimonianze di alcuni presenti. E’ stata chiusa via don Bellavita dalla rotonda con via Don Volpi a all’intersezione con via Volta.

Presente anche il personale del Cps che sentendo il botto è subito uscito a prestare aiuto agli occupanti dell’auto. Solo sabato mattina all’intersezione tra via Volta e via Volonterio si era verificato un’altro incidente con una delle due auto che si ribaltata. 

11102018

7 COMMENTI

  1. I dossi! Vanno messi i dossi per rallentare la velocitá davanti al CPS dove ci sono anche i passaggi pedonali! La rotonda non serve a nulla perché é a 300 metri di distanza.

    • ..infatti, e costava assai meno di una rotonda fatta e rifatta….basterebbe anche la buona volontà di qualche vigile che multi e tolga qualche punto: ma è una cosa di cui i nostri prodi non paiono dotati

      • Concordo: occorrono i dossi davanti al cps per la tutela dei disabili che attraversano la strada
        E anche dare una regolamentata all’attraversamento pedonale di via volta via bellavita: come fa un disabile ad attraversare se ci sono i tavolini del bar di via volta 37 in prospicenza delle strisce pedonali ad occupare tutto il marciapiede? Assessore Lombardini faccia la prova anche qui con il suo amico in carrozzina come é stata fatta al Matteotti. Grazie

      • Ma per l’appunto! Costa cosi tanto mettere due dossi rialzati davanti alla comunità protetta e magari il limite dei 30km tra in via bella vita tra la rotonda della Focris e via Volta? La sicurezza non ha prezzo! Fare una rotonda da 200.000 euro forse non basta: aggiungere 2000 euro per i dossi e i cartelli forse quello che è accaduto oggi non sarebbe accaduto.

  2. Il divieto di sosta contestato ex post [senza neanche fermarsi a lasciare il verbale sotto il tergi] è molto più gettonato…

  3. Alcune volte si tratta di fatalità.
    Non bastano rotonde, dossi o altri dissuasori. Nemmeno gli autovelox volanti qua e là.
    E le città non si possono tappezzare ad ogni 50 metri per ridurre la velocità.
    Purtroppo può capitare a tutti ma tutti noi dobbiamo riconoscere il nostro limite di rispettare le regole alla lettera sempre e ovunque!

SCRIVI UN COMMENTO

Pe favore, inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.