UBOLDO – Il cantiere e’ finalmente finito: stamattina e’ stato riaperto il ponte sull’autostrada alla porte di Uboldo.

Un vero regalo di Natale per automobilisti, che potranno dire addio ai percorsi alternativi, per i commercianti che avevano organizzato una raccolta di firme contro il cantiere e non ultimo per i residenti che torneranno a sopportare i normali livelli di traffico.

image

Ecco come il sindaco Lorenzo Guzzetti da’ l’annuncio sul suo blog.

Da pochi minuti è stato aperto il ponte di Via IV Novembre, chiuso dal 25 ottobre per i lavori afferenti alla terza corsia. Come da previsione, sono stati rispettati i tempi dei lavori e di questo devo un particolare ringraziamento a tutte le persone che hanno lavorato di Autostrade per l’Italia, Spea e Pavimental. Ancora una volta siamo a parlare di un’opera fatta e fatta bene, di un’opera pubblica che non si perde nei gangli della burocrazia e delle lungaggini ma, al contrario, di un’opera che ha un inizio e ha una fine, con gente che lavora e non si risparmia. Voglio spendere una parola anche per i miei cittadini: ringrazio davvero di cuore, in particolare, gli abitanti della Via Spinella che hanno sopportato queste sei settimane di lavori senza lamentarsi degli effettivi disagi, così come tanti cittadini uboldesi che hanno compreso e liquidavano la cosa con un “i lavori devono essere fatti”. Voglio anche dire che questa situazione di lavori ha aperto nel frattempo un importante dialogo con il gruppo dei commercianti, con cui è stato virtuoso confrontarsi e dialogare anche in ottica futura.

Questa capacità di dialogo non è stata dimostrata da tutti, purtroppo, ma non mi sembra il caso di soffermarci molto su questi casi davvero rari e isolati. Quello che mi sento di dire è che non ho visto “quattromila persone sotto il Comune a protestare” e che quando si vuole dialogare con le Istituzioni c’è un modo saggio (vedi appunto i colleghi…) e c’è un modo sbagliato perchè quando prevale l’interesse generale, come in questo caso, lo Stato e i suoi rappresentanti non possono fermarsi. Vanno piano, sono lenti, ma non si fermano. Evito poi di commentare altre cose che ho potuto leggere o sentire perchè potrei diventare velenoso e a pochi giorni del Natale, è incredibile, ma anche io mi sento più buono. E’ molto più bello parlare delle cose fatte e ancora da fare. Uboldo non chiude qua i cantieri: dai lavori dello Svincolo, con il bel tempo, ci arriverà ancora la ciclo-pedonale che si collega con Origgio e poi tra poco partiranno i lavori di Varesina Bis. Cari amici, andiamo avanti per questa strada.