03082013 omicidio corso italia (8)SARONNO – Nella giornata di oggi saranno eseguiti i test autoptici sul corpo di Maria Angela Granomelli la 62enne uboldese uccisa sabato pomeriggio in corso Italia nel suo negozio “Il dono di Tiffany”.

L’autopsia potrà fornire elementi utili per determinare con precisione la causa della morte della donna. Si saprà se a porre fine alla vita della commerciante sia stato il violento colpo alla testa inferto con un astuccio rigido dall’assassino, la sua caduta a terra o ancora i 30 secondi di calci e pugni con cui il killer si è accanito contro la donna.

Proseguono ovviamente anche le indagini: la strategia investigativa resta quella di non mostrare il volto dell’uomo tra i 30 e i 35 anni, con carnagione chiara e stempiato che alle 16,30 di sabato pomeriggio con una tshirt e un paio di pantaloncini a quadretti è entrato nel punto vendita come un normale cliente.

Nonostante l’insistenze di commercianti della zona, che chiedono che il volto sia reso pubblico, gli inquirenti hanno mostrato i fotogrammi con l’immagine dell’assassino solo ai familiari, che non l’hanno riconosciuto e, secondo quanto dichiarato ad alcuni giornalisti dal sindaco Luciano Porro, ad un commerciante che potrebbe aver visto il killer proprio sabato pomeriggio.

L’unica certezza resta quindi il fatto che la commerciante non conoscesse il proprio assassino e il fatto che l’uomo non abbia precedenti penali visto che le sue impronte digitali, trovate ovunque nel punto vendita, sono state comparate dal Ris di Parma senza nessun riscontro tra quelle presenti nel database degli schedati.

08082013