SARONNO – “No, io non spaccio! Questa marijuana l’ha appena trovata il mio cane”. Anche se era il fornitore di decine di suoi coetanei che acquistavano da lui decine di dosi di marijuana, il 17enne, fermato l’altro giorno dai carabinieri, si è confermato essere ancora un ragazzino pronto a raccontare improbabili scuse, dando persino la colpa al proprio cane, quando è stato colto con lo zainetto pieno di droga. 

Da qualche tempo, nel corso dei consueti controlli realizzati negli istituti scolastici, i carabinieri avevano avuto notizia di un giovanissimo pusher che procurava marijuana a molti studenti e coetanei. Così quando l’altra sera, intorno alle 21, il giovane è uscito con il cane, a Caronno Pertusella dove vive, incappando in un controllo, i carabinieri hanno deciso di perquisirlo.

Nelle tasche dei pantaloni della tuta del giovane hanno trovato 25 dosi già confezionate nella carta stagnola e oltre 100 grammi sparsi nello zainetto dove era conservato anche un bilancino di precisione. Gli accertamenti sono proseguiti nell’appartamento dove il giovane vive con i genitori che non sospettavano dell’attività del figlio. In uno zainetto nascosto in un mobile del soggiorno i militari hanno trovato altre 18 dosi confezionate di marijuana e una dose di cocaina. Complessivamente il ragazzo aveva oltre un etto e mezzo di sostanza stupefacente per un valore che supera i mille e cinquecento euro.

Il 17enne, incensurato ma con alcuni problemi con la legge alle spalle, è stato arrestato e trasferito al centro di prima accoglienza Beccaria in attesa di chiarire la propria posizione con la procura del tribunale dei minori. E’ accusato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Dopo aver bloccato uno dei principali fornitori delle scuole saronnesi, il giovane frequentava un istituto cittadino, i carabinieri proseguono le indagini per ricostruire la sua rete di fornitori e clienti.

26092013

3 Commenti

  1. Vanno bene sto ragazzini, ma quei 5-6 personaggi in cerca di spacciatore TUTTI I POMERIGGI verso le 18.00 in cima alle scale che portano giù nel sottopasso della stazione non vengono mai arrestate? Si abbracciano si battono il cinque e ualà passano di mano prima palline di polistirolo e dopo banconote!!! Più che dirlo ai vigili un cittadino cosa deve fare? Provo a scriverlo qui a volte sollevare alla stampa il problema è più utile!!!

Comments are closed.