COMASCO – I carabinieri nel vicino Comasco hanno arrestato due persone per possesso di armi e droga. I due soggetti, F.A. e B.A., residenti rispettivamente a Tavernerio ed a Pusiano, a seguito di perquisizioni domiciliari volte alla ricerca di droga, sono stati trovati, infatti in possesso, nel complesso, di tre pistole, svariato munizionamento e di circa 600 grammi di droga. F.A., trentaquattro anni, disoccupato residente a Tavernerio, già noto ai militari per problemi di droga, a seguito del controllo a casa è stato arrestato martedì perché trovato in possesso di una considerevole dose di marijuana e di una pistola Beretta 34 rubata nel lecchese nel 2011, con 21 munizioni.

B.A., quarantatré anni, artigiano residente a Pusiano, anche lui noto ai Carabinieri per vecchie questioni di droga, ha subìto un’analoga perquisizione ieri sera. Trovato in possesso di una pistola da guerra Luger “P08” del 1916 con 15 colpi di cui non si conosce il proprietario di una pistola Melior cal. 6,35 con 4 proiettili, oggetto di un furto nel bresciano nel 2013. Sempre lo stesso soggetto è stato trovato anche in possesso di mezzo chilo di cocaina, nascosta in un sacchetto celato nel balcone di casa. Tradotti in carcere, i due soggetto devono ora rispondere dei reati di detenzione abusiva di armi comuni da sparo (B.A. risponde anche di detenzioni di armi da guerra), ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

15012015