SARONNO – Asili nido: allo studio strumenti per prevenire casi di maltrattamento.“E’ mia intenzione individuare e mettere in atto degli strumenti efficaci al fine di far emergere quegli eventi cosiddetti ‘sentinella’ che permettano di evidenziare eventuali situazioni di rischio nell’ambito di quelle strutture dove gli operatori lavorano in stretto contatto e al servizio di persone in condizioni di fragilità quali bambini, anziani, persone non autosufficienti”: lo ha dichiarato l’assessore al Reddito di autonomia e inclusione sociale di Regione Lombardia, Francesca Brianza.

31032016 porte aperte alla sanofi francesco brianza(6)

“Lo studio di questi interventi – dichiara l’assessore – che prende le mosse da un recente caso di violenza ai danni di bambini ospitati presso un asilo nido a Milano, ha in realtà un respiro più ampio perché riguarda non solo l’infanzia ma tutti i soggetti più fragili della società che sono ospitati presso strutture. E’ necessario in un’ottica di corresponsabilità, coinvolgere i datori di lavoro, dipendenti, volontari e familiari e costituire una rete di monitoraggio degli eventi cosiddetti “sentinella” che possono rappresentare il primo campanello d’allarme di un eventuale maltrattamento, facendo anche tesoro delle esperienze di altri paesi come, ad esempio, quella del modello anglosassone che prevede l’esistenza di organi di controllo incaricati di valutare, tramite indicatori standard, l’efficienza e l’efficacia della risposta ai bisogni educativi e, più in generale, il benessere degli utenti”. “A Regione Lombardia sta a cuore la tutela dei cittadini specialmente dei soggetti più deboli – conclude- Lavoreremo per mettere in campo tutti gli strumenti che permettano di individuare tempestivamente eventuali situazioni di rischio e dove, quindi, la vigilanza deve essere intensificata”.

07092016