SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota della Lega Nord in merito all’area dismessa ex Cemsa.

Ex Cemsa, area dismessa il cui recupero è in via di definizione fin dal lontano 1991. Ventotto anni di regolamentazioni e progettazioni passando dal piano direttore, alle convenzioni tutt’ora in essere, fino al piano di governo del territorio. Anni di regole e di convenzioni hanno stabilito i volumi edificabili.

“Oggi non concediamo nemmeno un metro cubo in più di quanto dovuto. Non facciamo favori a nessuno. Per esserne sicuri abbiamo preteso una verifica accurata” sostiene Angelo Veronesi presidente della commissione urbanistica e opere pubbliche.

“È la prima volta che viene svolto un simile controllo così accurato per analizzare un periodo di tempo così lungo. L’ufficio urbanistica e l’ufficio legale hanno lavorato insieme per svolgere un’analisi del pregresso degli ultimi ventotto anni per verificare il dare e avere”.Gli oneri di urbanizzazione, dovuti a seguito dei rilasci dei permessi di costruire, sono stati pagati. Il Comune ha prelevato dalle assicurazioni tutto quanto dovuto per il mancato rispetto delle convenzioni che stabilivano le tempistiche per consegnare le opere previste sulle proprietà pubbliche in cessione da parte del privato. Tutto quanto dovuto è stato versato nelle casse comunali, tranne una piccola percentuale per la quale il Comune si è costituito davanti al tribunale fallimentare.

27022019

1 commento

  1. Si dimentica di parlare del fallimento del precedente proprietario. L’area era sotto sequestro e, quindi, non si poteva fare nulla…

Comments are closed.