MOZZATE – I carabinieri del comando di Mozzate, coadiuvati dai militari di Cermenate, Fino Mornasco e dal Radiomobile della Compagnia di Cantù hanno compiuto un controllo in un albergo del basso comasco, arrestando due persone mentre una è stata denunciata a piede libero. E’ stato fermato, per un ordine di applicazione della custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Mantova, un tunisino di 32enne, residente in Vignola (Modena), dovendo scontare totali due anni, tre mesi e tre giorni di reclusione per reati connessi stupefacenti; un ordine di applicazione della custodia cautelare in carcere emesso dalla Corte d’Appello di Bologna – nei confronti di un tunisino, 22enne, in Italia senza fissa dimora, per reati connessi stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.

E’ stato inoltre deferito a piede libero un libico, 21enne, in Italia senza fissa dimora, per i reati connessi alla violazione delle norme sull’immigrazione clandestina. I provvedimenti adottati giungono all’esito di un mirato controllo avvenuto nella mattinata dello scorso 6 ottobre in un albergo del basso comasco dove i militari hanno fatto irruzione all’interno di una camera, sorprendendo il tunisino di 32 anni che è stato quindi immobilizzato. Nel parcheggio adiacente, in un’auto, sono stati trovati l’altro tunisino ed il libico.

10102019

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.