SOLARO – Il Comune è pronto alla distribuzione di mascherine chirurgiche certificate in forma gratuita per tutte quelle persone che sono obbligate a recarsi negli ospedali o nelle cliniche autorizzate per inderogabili cure, esami o terapie mediche. La distribuzione avverrà accedendo alla fornitura riservata prioritariamente a Polizia Locale, dipendenti comunali, volontari e famigliari di persone risultate positive al Covid e rientrate a domicilio o che devono recarsi in ospedale per eseguire il tampone. Per accedere al servizio sarà sufficiente inviare una mail all’indirizzo [email protected] con i dati delle persone interessate, ovvero: nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico e la documentazione/impegnativa che provi la necessità di recarsi in ospedale o in clinica. La distribuzione comincerà lunedì a domicilio grazie all’impegno della Protezione Civile. Le scorte non intaccheranno l’ordine in arrivo per le farmacie comunali che ricordiamo sarà messo in vendita a prezzo di costo nella misura di massimo due mascherine a persona.

“Avendo a disposizione una misura contingentata di dispositivi – spiega il sindaco Nilde Moretti – in attesa della consegna degli ordini effettuati (uno ufficialmente in arrivo ed uno bloccato per motivi indipendenti dalla nostra volontà), la nostra priorità va alle persone obbligate a servirsi degli ospedali e delle cliniche, luoghi ovviamente sensibili al contagio. È una questione di responsabilità sociale e da Sindaco, sono sicura che i miei concittadini capiranno, devo pensare prima alle fasce fragili della popolazione. Colgo l’occasione per ringraziare la Protezione Civile per l’infaticabile lavoro di queste settimane.-

Permettetemi però di fare una valutazione più generale. Ancora oggi, il presidente di Regione Lombardia ha lanciato un monito. Dai dati in possesso tantissime persone sono tornate a circolare liberamente. È inaccettabile. È evidente che la prima e principale preoccupazione di tutti deve essere quella di rimanere a casa. Basta! Vedo ancora troppe persone sfruttare ogni minima scusa per aggirare le regole. Non è questo il buon senso ed il comportamento di civiltà che mi aspetto dai miei concittadini. Solaro è sempre stata una comunità pronta ad agire e reagire ad ogni difficoltà: oggi la priorità per tutti deve essere quella di rimanere a casa. Mi rivolgo a tutti, ma in particolare agli Over65: l’unica motivazione che avete per uscire di casa d’ora in poi devono essere le questioni sanitarie. Per la spesa, per ogni altra necessità chiedete ai figli, ai nipoti, ai vicini di casa o qualora non vi fosse possibile contattate il Comune. E a loro mi rivolgo per farvi arrivare questo messaggio: il sindaco ha detto di rimanere a casa, senza eccezioni. Per questo sono state avviate iniziative come le consegne a domicilio da parte dei volontari o dei negozianti e l’accesso scaglionato ai supermercati. Nel caso ancora non fosse chiaro, per proteggervi e per proteggerci bisogna restare a casa”.

(foto archivio)

04042020

18 Commenti

  1. Quindi dovrei dichiarare le mie necessità sanitarie per una mascherina omaggio?
    Privacy??????

        • le mascherine in italia non si trovavano indipendentemente dal governo di turno semplicemente perchè da anni le importavamo .. .se poi vuole fare polemica inutile a prescindere ….. come al solito

  2. La perseveranza non ha nulla a che vedere con l’insistenza. La perseveranza richiede intelligenza ed umiltà. Gli ignoranti e i cattivi sono stupidi e quindi insistenti …. 

  3. Unico paese del circondario dove non ci sono mascherine in farmacia; i cittadini hanno iniziato a chiederle dal 22 febbraio (primo caso covid a Codogno e inizio emergenza).

    La farmacia non le ha mai avute, non le ha e non sa quando le avrà.

    Ora ne distribuiscono agli ammalati solo per obbligo di Regione Lombardia.

Comments are closed.