SARONNO – Sono 19 gli operatori di Croce rossa e di altre realtà che operano con Areu e nei trasporti sanitari che ieri mattina sono stati sottoposti a tampone nell’area allestita ad hoc nel parcheggio del Municipio in piazza Repubblica. Si tratta di soggetti che erano in sorveglianza attiva per aver mostrato dei sintomi o aver avuto contatti critici. Arrivano dalle province di Bergamo, Varese e Como e torneranno a Saronno anche oggi. Per poter tornare al lavoro, infatti, dovranno risultare negativi a due tamponi realizzati a distanza di 24 ore. Nel caso in cui uno dei due sia invece positivo per loro ci saranno altri 14 giorni di isolamento al termine del quale sarà rifatto il doppio tampone. “La soluzione di Saronno per questi tamponi è sicuramente molto funzionale – spiega Salvatore Alma responsabile unità di crisi di Croce Rossa – sia per la posizione sia per lo spazio che il Comitato cittadino è riuscito a mettere a disposizione con la collaborazione della polizia locale”. E’ la terza volta che il punto prelievi viene allestito in città. L’iter è ormai collaudato c’è un camper: gli utenti si avvicinano, uno alla volta, mantenendo le distanze e forniscono la documentazione ad una volontaria. Vengono quindi indirizzati nella tenda dove un medico ed un infermieri li aspettano, coperti con tuta, visiera, guanti e copriscarpe, per sottoporli al tampone. “Per molti questo doppio test senza la fine della quarantena, altri dovranno attendere altri 14 giorni prima di poter tornare alla propria attività”.