GERENZANO – Festa di Natale in paese, i preparativi sono in corso. A coalizzarsi sono state Pro Loco, Comitato genitori, Ics Gerenzano, Protezione civile e scuola materna Berra, con il patrocinio del Comune. Insieme organizzano sabato, 15 dicembre 2012, alle 17 la festa di Natale per i bambini, intitolata “Batti cinque con me, il più forte che c’è, per tutti i bambini del mondo“.

“Un momento che coinvolgerà tutti i bambini di Gerenzano delle scuole materne e primarie; un momento per vivere un Natale diverso, dedicato a tutti i bambini meno fortunati, vicini e lontani.
Un momento che ha coinvolto l’intero Istituto comprensivo e la scuola materna perché il farsi carico, il desiderare un momento felice per l’altro, ridiventi il vero significato del Natale – dicono i promotori dell’evento – I ragazzi delle medie hanno contribuito a regalare questo momento ai più piccoli con laboratori nei quali si sono confezionati gli addobbi per l'”Albero dei bambini” e i bigliettini augurali”. Ai tratta, ricordano gli organizzatori,”di un progetto trasversale che prevede l’inaugurazione dell’Albero dei bambini; un albero con addobbi confezionati con le foto dei bimbi a significare il “Futuro” di cui noi adulti siamo tenuti a farci carico. Previsto l’arrivo dell’emissario di Babbo Natale che ritirerà le letterine dei bambini e i doni che i bambini vorranno portare per i loro amici meno fortunati; poi qualche giro sulla slitta di Babbo Natale e quindi la merenda tutti insieme, con il sottofondo musicale del Corpo musicale Santa Cecilia di Gerenzano”.

“I bambini saranno tutti insieme a formare un ponte grande quanto il mondo, per tutti i bambini del mondo e per aiutare quelli ricoverati nel reparto di oncologia pediatrica del San Gerardo di Monza – riepilogano la presidente della Pro loco, Bernardina Tavella, e Antonella Franchi del Comitato genitori – Come qualcuno ha detto “Non importa quanto sia grande l’albero di Natale; per gli occhi di un bambino è sempre grandissimo”. Questo per noi è il vero significato del Santo Natale, piccoli gesti che lasciano una profonda traccia di cura e attenzione all’altro”.

Foto: volontari impegnati nei preparativi dell’appuntamento.

13/12/12