ospedale ambulanza giorno ingressoSARONNO – “Non siamo stati contattati dalla Regione per il progetto per la riforma sanitaria anzi abbiamo chiesto un incontro all’assessore regionale per parlare dei problemi del nosocomio di Saronno prima dell’estate e tuttora non è arrivata la risposta”. E’ decisamente arrabbiato il sindaco Luciano Porro quando parla della situazione dell’ospedale, un tema che segue sempre in prima persona.
“Ho appreso della possibilità dell’accorpamento di Saronno con il maxi ospedale di Como dalla stampa: nessuno aveva ritenuto il caso di consultare l’Amministrazione prima di stilare il piano. Ho scritto una lettera per chiedere informazione alla Regione che ci ha detto che il progetto è solo una bozza e che prossimamente saranno ascoltati anche gli enti locali”.
Sulla proposta il giudizio del sindaco è davvero durissimo: ”Sappiamo che l’ospedale di Saronno ha dei primari e delle strumentazioni a scavalco con gli altri presidi dell’azienda ospedaliera di Busto Arsizio. L’accorpamento con Como sarebbe a mio parere un grande errore.”
Il sindaco Porro si toglie anche qualche sassolino dalle scarpe:”Aspettiamo di essere chiamati dalla Regione in merito alla riforma ma a dir la verità un incontro noi l’avevamo già chiesto. Prima dell’estate dopo l’incontro con i sindaci a giugno abbiamo scritto all’assessore regionale per avere un incontro, al quale avremmo invitato anche il direttore del’azienda ospedaliera, e non solo non ci hanno dato un appuntamento ma nemmeno una risposta”. E conclude: ”Rispondere, magari anche solo con un si o un no, dimostrerebbe un minimo di cortesia ed attenzione il territorio. Lo dico anche a beneficio a quegli esponenti politici che ci hanno invitato ad andare al Pirellone per perorare la causa del nostro ospedale. Lo stiamo facendo, o almeno ci proviamo nonostante la scarsa disponibilità mostratata”.

11 Commenti

  1. NO la Regione ignora Porro. Non chiunque. Ci vuole polso, carisma, e attriburi per fare il Sindaco. Tribunale, Ospedale, Teatro, Associazioni ecc. Porro steso non vede lora di non ricandidarsi.

  2. Anche il Comune di Saronno non si dimostra tanto cortese a rispondere ai cittadini che lasciano nell’ufficio del protocollo richieste di chiarimenti o informazioni su cattivi funzionamenti degli uffici comunali ; Non si degna di rispondere nulla ; quindi da quale pulpito viene la predica Sig. SINDACO ???

  3. Prima Formigoni e adesso Maroni, ma la musica non cambia: l’ospedale di Saronno non e’ “fortunato” ne’ con CL, ne’ con la Lega !!!
    Forse e’ il caso di andare a far sentire la nostra preoccupazione in tanti sotto la sede della Regione.

  4. adesso fatemi capire, quando fa comodo il sindaco dice che l’ospedale non è sua competenza… ora vuole essere coinvolto.

  5. Ma come?!? Il sindaco non è in contatto con i consiglieri regionali del PD che siedono in commissione sanità? Non si fida di loro? O loro non si fidano di lui, tanto da non avergli comunicato la bozza per chiedergli un parere? Ridicolo.

  6. La scelta di “sottomettere” l’ospedale di Saronno (che allora era indipendente) a Busto Arsizio e’ l’origine di tutti i mali del nostro ospedale ed e’ stata presa da Formigoni (CL ha un peso notevole nella sanita’ lombarda).
    Ora con Maroni/Mantovani non sembra cambiata la musica, ma aspettiamo ancora un po’ per giudicare questa nuova riforma…

    • Stanotte abbiamo eseguito un intervento di manutenzione del sito
      e come abbiamo anticipato http://ilsaronno.it/?p=22164
      alcuni commenti potrebbero essere andati persi.
      Abbiamo già invitato i lettori a reinserirli.
      Saluti
      Sara

  7. Porro sbaglia su diverse cose, in primis quando nega l’esistenza di una emergenza sicurezza in centro a Saronno nelle ore notturne. Per l’ospedale invece Porro puo’ fare solo rumore, ma nulla piu’ perche’ la gestione della sanita’ e’ in carico alla regione dove comandano PDL e Lega. Siccome la Lega saronnese non conta nulla a livello regionale e il PDL saronnese non esiste piu’, non abbiamo “agganci” utili laddove si decide. La politica e’ interesse, da sempre.
    Lo vedono tutti che ci sono tre aziende ospedaliere in 10 km (Legnano, Busto e Gallarate), ma, ad oggi, nessuno si e’ azzardato a toccare questi privilegiati, piuttosto tagliano i servizi essenziali all’ospedale di Saronno.

    • Condivido in pieno il commento precedente…Inoltre secondo il mio parare, l’aggravante è non avere una giunte che “picchi i pugni sui tavoli” e che si impunta su certi diritti..Siamo tutti un gran popolo ma Il sindaco è eletto per fare esclusivamente gli interessi dei suoi cittadini….secondo me centra poco avere o non avere gli agganci con CL o Lega, se ci si vuole mettere di traverso lo si può fare…Saronno ha armi e numeri per poterlo fare, basta solo un po? di coraggio e volontà….

  8. Repetita iuvant…(commento di ieri perso) credo che sia prematuro tutto..ne deve passare di acqua sotto i ponti.. ma tantissima ..visto che rimane solo un disegno di legge regionale … forse che questo disegno di legge presentato dal consigliere Rizzi sia solo un modo per “accreditarsi “ in vista delle prossime elezioni del segretario nazionale della lega… vediamo un po’ se verrò smentito…

Comments are closed.