GERENZANO – Il centro ricerche di Gerenzano ha aperto le porte a giovani imprenditori e ricercatori e ospitato i “Venti dell’innovazione”, incontro che rientra in un ciclo di conferenze promosso da Camera di Commercio.

FIIRV VENTI INNOVAZIONE

L’incontro si è tenuto nel pomeriggio dell’altro giorno all’Insubrias Biopark e ad accogliere la delegazione di Camera di commercio c’erano Angelo Carenzi e Andrea Gambini, rispettivamente presidente e direttore della fondazione Istituto insubrico di ricerca per la vita.”E’ per noi un piacere ospitare questa iniziativa di Camera di Commercio – ha dichiarato Angelo Carenzi – ma soprattutto poter parlare a una platea interessata all’attività di ricerca e in generale al settore delle biotecnologie. I nostri ospiti hanno visitato i laboratori, si sono confrontati con i nostri ricercatori e hanno potuto ascoltare le testimonianze di alcune imprese biotec presenti all’interno del bioparco. Questo appuntamento ha dato ai presenti l’opportunità di conoscere la nostra realtà e vedere di persona se esistono le condizioni per avviare nuovi progetti imprenditoriali legati al biotec. Vorrei anche ricordare che proprio in sinergia con Camera di Commercio e Fondazione Comunitaria del Varesotto abbiamo attivato un bando che mette a disposizione risorse proprio per la creazione di start up nel settore delle biotecnologie e delle scienze per la vita”.

La visita di Camera di Commercio ai laboratori di via Lepetit offre al direttore Andrea Gambini lo spunto per una riflessione:”Il nostro centro si sta aprendo sempre più al contesto territoriale in cui opera. Farci conoscere e soprattutto far conoscere la nostra attività di ricerca è uno dei nostri obiettivi. Ricordo, infatti, le visite guidate e gratuite per le scuole, iniziativa molto apprezzata dalle insegnanti e considerata un ottimo momento formativo, ma anche gli open day rivolti ai cittadini”.

“Su un totale di poco più di 400 imprese italiane classificate come biotech, il territorio varesino ne conta ben venti – ha dichiarato Pietro La Placa, dirigente di Camera di Commercio presente all’incontro – Un dato che ci può legittimare a classificare Varese come un’area a specializzazione biotecnologica. Oggi questo è tanto più importante perché la presenza di investimenti imprenditoriali in questo ambito genera opportunità occupazionali più significative che in altri contesti. Da qui anche lo sforzo di Camera di Commercio di promuovere le start up biotecnologiche grazie al bando cofinanziato da Insubrias Biopark e Fondazione Comunitaria del Varesotto. Un bando che mette a disposizione 90 mila euro e che ha come termine per la presentazione delle domande quello del 20 novembre”.

22102014