SARONNO – Cento cittadini hanno voluto condividerne l’impegno politico con la loro firma: la lista civica Saronno al centro si è già attivata in vista delle elezioni amministrative della prossima primavera, ed è pronta ad “abbattere” le barriere politiche, aperta al dialogo con tutti. E il co-fondatore della lista, il consigliere comunale Enzo Volontè, a fare il punto della situazione09102014 incontro sac enzo volontè (2).

La gente si chiede se alle prossime elezioni vi schiererete in coalizione insieme ai partiti del centro destra.

Il nostro movimento nasce proprio con la volontà di proporre ai cittadini una nuova forza politica cittadina, capace di amministrare per il bene di Saronno, assolutamente scevra da condizionamenti di partito: se avessimo voluto far parte della coalizione di centrodestra non avrebbe avuto senso allontanarci dai partiti nell’autunno del 2013 per costituire un movimento civico. Noi affronteremo le elezioni come componente assolutamente indipendente, chiedendo ai cittadini di concederci il loro favore sulla base di concretezze di programma, scevre dalle ideologie o da interessi di partito. Sulla concretezza delle idee vorremmo poterci misurare, con la consapevolezza comunque che ogni idea può essere migliorata con il contributo di tutti.

Possibile anche un avvicinamento al centro sinistra?

Abbiamo già avuto modo di sostenere che in una situazione tanto difficile come quella che stiamo vivendo, sia sotto il profilo economico che sociale, forse dovremmo superare la pregiudiziale dell’antagonismo tra i partiti di destra e quelli di sinistra per affrontare con capacità e saggezza i problemi della città e tentare di risolverli per il bene dei cittadini. Siamo in una situazione di assoluta emergenza: occorre impegnarsi chiamando a collaborare tutte le persone di buona volontà. Saronno sta attraversando un periodo di evidente declino che si ripercuote sulla qualità della vita dei suoi cittadini. Occorre reagire con tempestività e con saggezza: non abbiamo più bisogno delle liti strumentali e spesso pregiudiziali tra partiti. Siamo convinti che Saronno abbia le potenzialità per “rinascere”.

logo_saronno_al_centro

Il vostro movimento proporrà la figura di un candidato sindaco? Ci sono già voci in città in tal senso.

Crediamo ci possano essere più persone in grado di rivestire il ruolo di sindaco. Ma crediamo che il nome dovrà uscire dopo la verifica delle posizioni dei vari partiti e solo dopo la verifica della possibilità di costituire una grande squadra, esperta, capace, responsabile e soprattutto saggia per promuovere un programma di grande concretezza e innovazione per la città.

Tornando alla più recente iniziativa sotto forma di “lettera aperta”, ovvero il volantino distribuito in città e sottoscritto da cento saronnesi: è evidentemente un passaggio preelettorale. Non vi sembra intempestivo?

Assolutamente no. Il tempo che ci separa dalle elezioni amministrative del prossimo maggio non è assolutamente lungo. E’ pur vero che i vari partiti sembrano ancora abbastanza latitanti, ma questa assenza crediamo sia dovuta più alla mancanza di credibilità che interessa tutto il sistema dei partiti, piuttosto che ad una strategia di attesa in vista di una campagna elettorale. A noi interessava far conoscere la nostra volontà di essere presenti alle prossime elezioni comunali e cominciare a dichiarare qualche importante finalità. Il tempo di questa iniziativa ci sembra assolutamente opportuno e preparatorio di altri momenti che potranno interessare la città.

Ma la cosa che più colpisce non è la vostra lettera, ma il fatto che sia sottoscritta da cento cittadini.

In effetti è un risultato clamoroso. Tutti conosciamo la ritrosia delle persone ad esprimere pubblicamente la loro volontà di voto. Soprattutto in questi momenti dove esiste uno sbandamento generale, sia a destra che a sinistra, relativamente alla credibilità dei partiti. Siamo rimasti anche noi stupiti della facilità con la quale siamo riusciti ad ottenere le firme di tante persone disposte a comunicare pubblicamente la loro condivisione all’idea di “Saronno al centro”. Penso sia un evento che ha un po’ dello straordinario.

21012015

14 Commenti

  1. peccato che con la legge elettorale comunale il cerchiobottismo in salsa Volontè non esista, i cittadini decidono subito quale è il sindaco e dunque a ogni forza politica è chiesto di scegliere se stare a destra, a sinistra, o al centro (altro che disponibilità a parlare con tutti)…i cento cittadini che si schierano a favore del movimento non stupiscono vista la macchina diciamo elettorale di Volontè e soci…

    • Non condivido il commento di RobinH che sembra non rendersi conto della eccezionalità del momento: Saronno è in profonda crisi e forse non basta più qualche partito di destra o di sinistra per risollevarla! Non condivido neanche il commento sulle 100 firme: secondo me crea effettivo stupore che 100 cittadini mettano la loro firma e la loro faccia su un messaggio politico espressione di una lista ancora a qualche mese dalle elezioni. Se si tratta di macchina elettorale è senz’altro un’ottima macchina.

  2. Al limite del grottesco…personaggi che da sempre muovono certi fili della politica cittadina cerchino di riciclarsi in questo modo…occhi aperti cari saronnesi…

    • Francamente non mi sembra un intervento da persona illuminata. Basta polemiche! Saronno ha bisogno di concretezza e di persone capaci. Se illuminato riesci a formulare qualche proposta positiva, per favore fallo.

  3. io ho letto e firmato.
    Penso sia giusto che ogni saronnese possa valutare chi appoggiare politicamente.
    Penso anche che sia ora di rinunciare a coltivare dei pregiudizi; confrontiamoci rispettando il pensiero del nostro vicino avendo l’obiettivo comune di creare una società ed una città migliore.

  4. Robin H, i cittadini non inquadrati ideologicamente ne hanno piene le tasche delle Promesse e delle Delusioni perennemente propinate dai partiti che poi si sposano, divorziano e si risposano e via di questo passo – nessun partito, è chiaro a tutti, ha in tasca la chiave del successo perché la partita è dura – proporre di mettere insieme le forze è una atto di lealtà e pragmatismo – anche gli scouts dovrebbero capirlo

    • Caro Er retico

      la mia è una osservazione tecnica basata sul meccanismo elettorale per il comune: se vuoi vincere devi allearti prima, o Volontè & co pensano che PD, Forza Italia, e gli altri si mettano in fila dietro SAC per una grande coalizione?? scusami, non ci credo proprio, in questo senso io chiamo la proposta cerchiobottismo…e non ci crederebbero neppure gli scouts che sono tutt’altro che stupidi

  5. Almeno sono persone vere e non associazioni e/o gruppi sconosciuti utilizzati come specchio per le allodole….Ma a Saronno di allodole ce ne sono poche….Onore ai 100 cittadinni che hanno letto e sottoscritto, bravi!

Comments are closed.