SARONNO – Non basta la spinta dei tifosi del Paladozio di via Biffi alla Pallavolo Saronno per superare Padova, Spairani e compagni non brillano come nelle prime due gare di campionato e cedono in 4 set.

Organici al completo per Leidi e Di Pietro, che confermano i sestetti che settimana scorsa hanno sconfitto Alba e Motta di Livenza. Che non sarà una serata tranquilla per Saronno lo si capisce sin dall’avvio di gara, con Padova che scappa subito al primo time out tecnico (3-8) ed i padroni di casa particolarmente fallosi al servizio. Bosetti orchestra bene, Bellini finalizza ed i veneti volano (5-10, 6-12) con gli amaretti nervosi ad inseguire; ci provano Ballerio e Barsi in attacco a tenere a galla i bianco-azzurri (11-15) ma il cambio palla padovano è regolare ed il distacco rimane invariato (18-22). Nel finale due contrattacchi di Ballerio riaccendono le speranze (21-23) che vengono prontamente spente da Padova che chiude il set con Bellini (22-25).

Come settimana scorsa andar sotto di un set sveglia Saronno che riparte a 100 all’ora trascinata da Cafulli (5-1), Padova non si scompone e si riavvicina con Monari (8-6) per poi ritrovare la parità grazie a Bellini (11-11). Barsi e Ballerio suonano la carica ed arriva il break (16-11), Cafulli diventa imprendibile (18-12), Cerbo da serenità in seconda linea con Coscione a sfruttare bene tutti gli attaccanti e gli amaretti riportano il risultato in parità (25-18).

La fase iniziale del terzo set è caratterizzata da tanti errori da ambo le parti, col primo spunto di Padova (1-3), Saronno risponde con Seregni (5-4) ed un muro di Coscione tiene avanti gli amaretti al time out tecnico (8-6). Leidi si gioca la carta Buratti per Barsi, che si fa subito vedere in cambio palla (10-8, 12-9), Bellini punge in contrattacco ed i veneti ritrovano la parità (13-13). Il turno al servizio di Coscione (un ace per lui) sembra rompere gli equilibri in favore dei padroni di casa (18-15) ma non basta perché Padova è dura a morire e rientra con Gozzo (18-17), aggancia a 21 con Bellini e trova anche lo spunto per ribaltare il punteggio ed aggiudicarsi il set (23-25) con Saronno sofferente in ricezione.

Non vuole mollare Saronno che nel quarto parte meglio (4-1 attacco di Cafulli), Seregni punge (9-6) ed una prima intenzione di Coscione vale il 10-7. Padova con pazienza rientra a quota 13 facendo tornare l’equilibrio in campo, Spairani si fa sentire a muro (17-16) ma Bellini trasforma in oro ogni contrattacco e gli ospiti fanno il sorpasso (18-19) per poi allungare (18-21). Gli ultimi tentativi arrivano da Seregni e Spairani ma non bastano a Saronno per recuperare, giù il sipario e complimenti a Padova che conquista meritatamente i 3 punti (22-25). Dopo la debacle casalinga i ragazzi di Pierluigi Leidi dovranno dimostrare già da sabato di saper reagine alle difficoltà, tentando l’impresa a Torino nella tana del Parella.

Pallavolo Saronno-Pallavolo Valsugana Padova 1-3
(22-25, 25-18, 23-25, 22-25)
PALLAVOLO SARONNO: Coscione 4, Cafulli 20, Barsi 9, Spairani 8, Seregni 12, Ballerio 10, Cerbo (L), Buratti 6, n.e. Marelli, Olivati, Lella, Pizzileo. Allenatore Leidi.
PALLAVOLO VALSUGANA PADOVA: Bosetti 3, Bellini 26, Ricchieri 11, Gozzo 8, Monari 10, Friso 7, Lelli (L), De Nigris 3, Di Pietro, n.e. Luisetto, Turrato, Grigoletto (L2). Allenatore Di Pietro.

(foto: alcune fasi del match)

01112015